Progetto SPRINT, laboratori per un rapporto positivo con i propri figli

 
Chiama o scrivi in redazione


Progetto SPRINT, laboratori per un rapporto positivo con i propri figli

Progetto SPRINT, laboratori per un rapporto positivo con i propri figli

Come riuscire a ridurre gli errori che si commettono nei primi cruciali anni di vita di un bambino? Come posso costruire un rapporto sano fin dalla tenera età con i miei figli? Come faccio a interpretare i suoi bisogni, riuscire a calmarlo, infondergli sicurezza evitando di trasferirgli le mie ansie e le mie paure?

I neogenitori sono quasi sempre assaliti da decine, forse centinaia di domande e preoccupazioni. Tra i vari ruoli che si susseguono nel nostro quotidiano sicuramente l’essere genitori è infatti la sfida più impegnativa, che porta ad oscillare tra la gratificazione e il timore dell’essere inadeguati. Ma troppo spesso gli aiuti per guidare i neogenitori in un’avventura tanto straordinaria quanto carica di dubbi sono insufficienti. E l’attuale momento caratterizzato dalla crisi Covid-19 nella quale le strutture sociosanitarie sono impegnate a fronteggiare l’emergenza, di certo non aiuta.

Sono le considerazioni che hanno spinto l’associazione ARCAT Umbria, in collaborazione con l’associazione Birba di Assisi e il sostegno della Regione Umbria, a ideare il progetto “SPRINT, una marcia in più per genitori competenti”. “L’iniziativa nasce per supportare e implementare le competenze di chi si occupa della crescita dei bambini nel periodo forse più critico, dalla nascita ai primi anni”, spiega Valeria Matteucci, vicepresidente Arcat Umbria.

Il progetto si sviluppa in un percorso di laboratori gratuiti – trasformati in appuntamenti online a causa delle difficoltà dell’attuale situazione pandemica – costruiti con l’obiettivo di offrire ai genitori (ma anche a nonni, educatrici, babysitter e tutti gli adulti di riferimento dei bambini) gli strumenti utili nello svolgimento del proprio ruolo. Un primo gruppo di laboratori sarà curato da esperti del settore da anni impegnati nella cultura ed educazione di adulti e ragazzi: si passerà pertanto dai consigli di letture per l’infanzia all’uso consapevole del digitale, dalla riscoperta della bellezza della natura a quella delle emozioni, senza dimenticare l’importanza che la memoria dell’essere stati “figli” ha nell’essere genitori oggi.

I 10 laboratori si terranno dal 19 novembre prossimo e fino al 15 febbraio. Un secondo ciclo di 7 incontri – in programma ogni mercoledì dalle 18 alle 19 a partire dal 13 gennaio – si focalizzerà invece sulla condivisione di saperi e dubbi dei neogenitori. Gli incontri, in questo caso, si svilupperanno secondo la filosofia del “mutuo aiuto” in base alla quale un piccolo gruppo di persone (massimo 10 in questo caso) condivide lo stesso problema e, guidati da facilitatori esperti, si scambiano paure, timori, problemi ma anche sostegno, fiducia e speranze verso un cambiamento positivo. Un ritorno alla ritualità di condivisione ed elaborazione comunitaria che fa parte della condizione umana dalla notte dei tempi e la società contemporanea sta purtroppo dimenticando.

“Sicuramente dal confronto su queste tematiche emergeranno e si rafforzeranno le capacità di ciascun genitore, ma anche la possibilità di affrontare positivamente dubbi e perplessità” aggiunge Matteucci. “Contemporaneamente si acquisirà la consapevolezza dell’importanza e del valore positivo del condividere le esperienze vissute: questa è la forza del gruppo che vogliamo sperimentare insieme, anche se purtroppo in questo momento, solo attraverso uno schermo”.

Il progetto Sprint è promosso da Arcat Umbria, Associazione Birba ed è realizzato con il sostegno della Regione Umbria, Usl 1 Umbria e con il patrocinio dei Comuni di Assisi e Bastia Umbria.

Per informazioni e prenotazioni sui laboratori è possibile chiamare il 370.3070231 o scrivere una mail all’indirizzo sprint.insieme@gmail.com

UFFICIO STAMPA | GreenPress EnvironMedia Martina Valentini mv.greenpress@gmail.com Mobile 3389180001

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*