Acquasparta, Comune: api e miele per promuovere biodiversità e sostenibilità ambientale

Si è parlato di api e miele e della loro importanza per il territorio in un convegno tenutosi qualche giorno fa a Palazzo Cesi

Acquasparta, Comune: api e miele per promuovere biodiversità e sostenibilità ambientale

Acquasparta, Comune: api e miele per promuovere biodiversità e sostenibilità ambientale

Si è parlato di api e miele e della loro importanza per il territorio in un convegno tenutosi qualche giorno fa a Palazzo Cesi

Acquasparta e Portaria producevano nel ‘600 un miele dalle grandi qualità che veniva esportato in molte parti d’Italia tra cui anche Roma. E’ quanto emerso durante un incontro sulle api a Palazzo Cesi alla presenza dell’esperto regionale Tiziano Gardi.


da ufficio stampa Provincia di Terni


L’iniziativa è stata promossa dal Comune nell’ambito del progetto dell’apiario e del museo nazionale delle api e per la divulgazione sull’ape dorata, una particolare ape presente in molte zone d’Italia ritenuta fra le migliori al mondo. Sempre secondo quanto emerso durante l’incontro nella zona di Acquasparta sarebbe stato realizzato il primo documento di osservazione microscopica sulle api della storia.

I progetti per il futuro legati alle api

L’amministrazione comunale ha poi annunciato per il prossimo anno l’organizzazione di un corso per assaggiatori e sommelier del miele con Lucia Piana che è la massima esperta a livello internazionale.

Il sindaco ha quindi fatto notare che Acquasparta è inserita in un indirizzo strategico europeo, nella programmazione regionale, per realizzare un’eccellenza bio dalle grandi potenzialità sottolineando la grande importanza della formazione a diversi livelli, vera chiave di volta, ha affermato, per una transizione da paese dormitorio a “borgo pop”.

Sempre il sindaco ha infine definito molto importante la costituzione di un tavolo tecnico regionale sulle api e i bandi Ocm miele, ma soprattutto l’attenzione ritrovata su temi nuovi e strategici come la difesa della biodiversità e la sostenibilità ambientale dei processi produttivi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*