Previsioni meteo pioggia, temporali ed anche la neve ovunque

Maltempo da Nord a Sud ed anche nevicate sia sulle Alpi che in Appennino

Previsioni meteo pioggia, temporali ed anche la neve ovunque

Previsioni meteo pioggia, temporali ed anche la neve ovunque

Previsioni meteo pioggia – Fronte instabile in transito sull’Italia e nuovo impulso instabile verso metà settimana portano maltempo da Nord a Sud ed anche nevicate sia sulle Alpi che in Appennino.

La seconda settimana di gennaio inizia con il transito di un fronte freddo sulla Penisola Italiana, dopo un lungo periodo dominato dall’alta pressione. Nella giornata di ieri le precipitazioni hanno interessato il Nord Italia con neve sulle Alpi, mentre nella giornata di oggi piogge e temporali sono attesi al Centro-Sud. Inoltre, l’ingresso di aria più fredda riporterà la neve anche in Appennino a partire dal pomeriggio. Migliora nella giornata di domani, con il fronte instabile che si sposta sui Balcani.

Un nuovo impulso instabile è in arrivo sul Mediterraneo centrale verso metà settimana. Nella giornata di mercoledì precipitazioni in arrivo lungo l’arco alpino, con neve inizialmente a quote medio-alte, ma in graduale calo nel corso della giornata, anche sotto i 1000 metri entro la sera. Durante la notte piogge e temporali raggiungeranno poi le regioni centrali, con neve in Appennino fino a quote medie. Nella giornata di giovedì il maltempo si porterà sulle regioni meridionali, mentre al Centro-Nord avremo un miglioramento delle condizioni meteo.

Dopo una settimana abbastanza movimentata con diverse fasi instabili, l’alta pressione sembrerebbe tornare a rimontare sul Mediterraneo nei giorni del weekend. Questo porterebbe nuovamente condizioni meteo stabili sull’Italia e sarebbe accompagnato dalla risalita di aria più mite, con conseguente aumento delle temperature, su valori di nuovo di qualche grado sopra la media.

Blocco atlantico e aria via via più fredda tra europa e mediterraneo entro fine mese?

Ultimi aggiornamenti dei principali modelli meteo che iniziano a mostrare dopo metà mese la possibile formazione di un’importante blocco atlantico. Tutto questo con un vortice polare che però sarò ancora relativamente compatto a causa della parziale propagazione degli effetti dello stratcooling. Non si esclude comunque con una simile dinamica il passaggio a condizioni meteo più invernale che per il Mediterraneo e per l’Italia entro l’inizio della terza decade di gennaio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*