Stabilizzare collaborazione tra Regione e Soccorso Alpino, approvato DDL

 
Chiama o scrivi in redazione


Stabilizzare collaborazione tra Regione e Soccorso Alpino, approvato DDL

Stabilizzare collaborazione tra Regione e Soccorso Alpino, approvato DDL

La Terza commissione consiliare, presieduta da Eleonora Pace, ha approvato il disegno di legge di iniziativa della Giunta con cui si intende stabilizzare la collaborazione in atto tra Regione Umbria e Soccorso alpino e speleologico dell’Umbria nell’ambito del Servizio di Emergenza-urgenza. I consiglieri di minoranza (Bettarelli e Bori-Pd, Fora-Patto civico) si sono astenuti. L’atto passa ora al vaglio dell’Aula.

© Protetto da Copyright DMCA

Dal 7 gennaio 2015 il SASU-CNAS (Soccorso Alpino e Speleologico dell’Umbria-Corpo Nazionale soccorso Alpino e Speleologico) collabora con la Centrale operativa unica regionale 118 per effettuare interventi h24 di soccorso, recupero e trasporto sanitario e non sanitario, in ambiente montano, ipogeo e in ogni altro ambiente ostile e impervio. La convenzione è stata finanziata annualmente con 150mila euro. Grazie alla presente legge viene autorizzata una spesa complessiva di 250mila euro.

Il Sasu è iscritto al Registro regionale delle Aps (Associazioni di Promozione sociale) e consta di 93 volontari che si rendono disponibili tramite reperibilità allargata, permettendo un’attivazione immediata h24. Dispone di 21 mezzi di trasporto e 7 basi operative distribuite su tutto il territorio regionale. Queste risorse permettono di dispiegare 2 stazioni, una alpina e una speleologica, cui fanno riferimento gruppi di pronto intervento. Nel quinquennio di convenzionamento il Sasu ha effettuato 547 missioni di soccorso sul territorio, per circa 48mila ore-uomo di intervento complessive e 131mila ore per attività formativa, informativa e di addestramento.

Alla luce del proficuo rapporto con il Servizio di Emergenza-urgenza 118 si è reso indispensabile rafforzare la collaborazione. L’attività di soccorso di carattere non sanitario del Sasu si svolgerà anche mediante l’utilizzo di aeromobili di soggetti pubblici o privati autorizzati a svolgere servizi di volo aereo e in possesso delle licenze e delle autorizzazioni previste dalla normativa vigente

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*