Manifestazioni storiche, assemblea legislativa respinge proposta di modifica legge

 
Chiama o scrivi in redazione


Manifestazioni storiche, assemblea legislativa respinge proposta di modifica legge

Manifestazioni storiche, assemblea legislativa respinge proposta di modifica legge L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha respinto una proposta di modifica della legge “16/2009” (Disciplina delle manifestazioni storiche) concernente la riduzione del periodo di 5 anni occorrente per l’iscrizione nell’Elenco regionale delle manifestazioni storiche a 3 anni, previa valutazione della Commissione scientifica preposta.

A fronte dei 7 voti favorevoli alla modifica (Squarta-FdI, Ricci-mistoRP, Morroni-FI, Fiorini-Lega, De Vincenzi-mistoUmbrianext, Solinas-mistoMDP e Rometti-SeR), si sono registrate le 12 astensioni di tutto il Pd e dei due consiglieri del Movimento 5 stelle.

L’impulso alla modifica era sorto in Terza commissione consiliare, dopo la richiesta fatta dal Comune di Perugia in riferimento alla manifestazione “Perugia 1416” e alla possibilità di accedere con l’iscrizione in Elenco a contributi ministeriali. Ma in Aula i consiglieri del Partito democratico, attraverso gli interventi di Giacomo Leonelli e Carla Casciari, oltre che dell’assessore regionale alla cultura Fernanda Cecchini, hanno evidenziato l’inopportunità di cambiare la legge 16, poiché si sarebbe costituito un precedente sfruttabile da altre manifestazioni e sulla base di una quanto meno opinabile valutazione.

Per i 5 Stelle la modifica avrebbe introdotto criteri di valutazione soggettivi e perciò non accettabili. Nella maggioranza, invece, favorevoli il capogruppo dei Socialisti Silvano Rometti, relatore in Aula del documento, e il presidente della commissione cultura Attilio Solinas (mistoMdp).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*