Jazz goes to University, Perugia 19 luglio al Chiostro del Rettorato

 
Chiama o scrivi in redazione


Jazz goes to University, Perugia 19 luglio al Chiostro del Rettorato

“Two for Tree and Orchestra” è un evento a dir poco straordinario con Paolo Fresu (tromba, flicorno, effetti), Daniele di Bonaventura (bandoneon) e l’Orchestra da Camera di Perugia. Titolo suggestivo per un concerto emozionante, in linea con gli impegni e le azioni intraprese da Umbria Jazz a sostegno di politiche e comportamenti improntati alla sostenibilità ambientale.

Two for Tree and Orchestra, ovvero due grandi musicisti come Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura, particolarmente sensibili ai temi ambientali; un albero, che è il grande cedro del Chiostro del Rettorato dell’Università, caro a generazioni di studenti; l’Orchestra da Camera di Perugia, che con i due jazzmen ha già collaborato in progetti molto riusciti (per esempio, Altissima Luce, rilettura del Laudario di Cortona).

È un concerto davvero atipico, con i due musicisti che suonano seduti sui rami del cedro e l’orchestra disposta attorno al tronco, in una inedita, notturna interazione tra tromba, bandoneon e stormir di fronde. I suoni creati dagli uomini che interloquiscono e si confondono con quelli provocati dalla “logica” e dalla creatività della natura. Al di là del fatto puramente musicale, resta il senso di una visione dell’arte, e della musica in particolare, che non può e non vuole essere slegata dal grande respiro degli organismi viventi del Pianeta Terra.

A partire dagli alberi, cui tutti dobbiamo molto della nostra qualità della vita e dell’aria che respiriamo, eppure sempre più da noi stessi minacciati e in pericolo. Two for Tree and Orchestra vuole essere buona musica non meno che un forte richiamo alla responsabilità, che tutti dobbiamo condividere, di amare e tutelare i nostri alberi. Un amore in se’ ed una metafora del rispetto dovuto all’ambiente.

Two for Tree and Orchestra, al di là del suo significato simbolico, è anche un intrigante progetto musicale con due dei più creativi jazzmen italiani, un ulteriore capitolo di una partnership che continua da molto tempo e si è realizzata in molteplici formule, a partire dal magico duo. Il segreto? Interplay poetico prima ancora che musicale, e grande capacità di esplorare insieme i sentieri della musica oltre ogni genere codificato. Con loro, una brillante orchestra umbra che ha già offerto notevoli prove di qualità artistica.

Oltre che su materiale originale pensato apposta per l’evento, Fresu e di Bonaventura hanno lavorato per questo evento su musiche del disco “In maggiore” pubblicato da ECM e su quelle collegate ad “Altissima Luce” inciso per l’etichetta Tŭk Music di Fresu.

Il concerto sarà trasmesso in streaming attraverso i canali di comunicazione del Ministero degli Affari Esteri nell’ambito di un progetto di promozione della cultura dello stesso Ministero.

Grazie alla partnership con Radio Monte Carlo/Gruppo Mediaset il concerto sarà trasmesso in diretta. Presenterà Nick The Nightfly, e la trasmissione sarà condotta da Rosaria Renna. L’evento sarà per 86 spettatori in presenza, ma Umbria Jazz cercherà di raggiungere un pubblico più vasto possibile grazie allo streaming sul web, ai propri canali social e quelli degli artisti, e ovviamente RMC.

Il progetto, presentato l’anno scorso nella Sagra Musicale Umbra, avrebbe dovuto concludere Umbria Jazz 20.

LA MUSICA E LA NATURA

19 LUGLIO – TWO FOR TREE AND ORCHESTRA con PAOLO FRESU, DANIELE DI BONAVENTURA e L’ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA Chiostro del Rettorato dell’Università degli Studi di Perugia, Palazzo Murena ore 20,30

____________________________________________________________________________________________________________________________

Il manifesto ufficiale degli eventi dell’estate 2020 di Umbria Jazz

LIFE LIKE JAZZ

di Martina Cinefra, Giuseppe Gullà 

“L’ispirazione proviene dalla citazione di George Gershwin “la vita somiglia molto al jazz: è meglio quando si improvvisa”, il cui senso può essere riassunto in “LIFE LIKE JAZZ”. L’ improvvisazione può essere associata ad un’azione svolta senza pensarci, senza freni inibitori e questo comportamento ricorda il modo d’agire e di esprimersi dei bambini, soprattutto quando disegnano o colorano. L’Albero della Vita rappresenta l’Umbria, soprannominata “polmone verde”, e il dinamismo che caratterizza la musica, in particolare il jazz, e la vita stessa. La sua colorazione segue proprio la “tecnica” che utilizzerebbe un bambino.”

L’immagine è stata scelta attraverso il workshop-concorso a distanza “UMBRIA JAZZ SMART DESIGN” organizzato dall’Università degli Studi di Perugia, Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale, Corso di Laurea in Design, e Fondazione di partecipazione Umbria Jazz, al quale hanno partecipato 60 studenti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*