Umbria è la terza regione più cara in Italia, ecco il podio

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria è la terza regione più cara in Italia, ecco il podio

Umbria è la terza regione più cara in Italia, ecco il podio

L’Istat ha reso noti oggi i dati dell’inflazione delle regioni e dei capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti, in base ai quali l’Unione Nazionale Consumatori ha stilato l’ormai tradizionale classifica delle città delle regioni più care d’Italia, in termini di aumento del costo della vita, non solo rispetto alla famiglia tipo, da 2,3 componenti, ma anche per la famiglia di 3 persone, la tipologia di nucleo familiare ora più diffusa in Italia.

Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, in testa alla classifica dei capoluoghi e delle città con più di 150 mila abitanti più care in termini di rincari, si conferma Bolzano che, con un’inflazione dell’1,3%, ha la maggior spesa aggiuntiva, equivalente, per una famiglia di 3 persone, a 451 euro (392 per una famiglia tipo). Al secondo posto Trento, dove il rialzo dei prezzi dello 0,6% determina un aggravio annuo di spesa, per la famiglia di 3 componenti, pari a 177 euro (147 per la famiglia tipo), terza Napoli, dove l’inflazione a +0,7% comporta una spesa supplementare pari a 172 euro, mentre per la famiglia tipo il capoluogo partenopeo sale al secondo posto con 151 euro.

Ben 8 città sono addirittura in deflazione. Le città più convenienti sono Aosta, dove l’abbassamento dei prezzi dello 0,7% genera un risparmio annuo di 202 euro per una famiglia media. Al secondo posto Parma (-0,7%, pari a -195 euro) e al terzo, inaspettatamente, per via del mancato afflusso turistico, Venezia: -0,5%, pari -132 euro.

In testa alla classifica delle regioni più costose in termini di maggior spesa, svetta il Trentino Alto Adige che, con l’inflazione più alta, +1%, il doppio rispetto alla seconda regione, registra, per una famiglia di 3 componenti, una batosta pari a 313 euro su base annua (264 euro per la famiglia tipo). Segue la Campania, dove l’incremento dei prezzi pari allo 0,5%, implica un’impennata del costo della vita pari a 117 euro (101 per fam. tipo), terza l’Umbria, dove, per via dell’inflazione a +0,4%, si ha un salasso annuo, per la famiglia di 3 persone, di 94 euro (87 euro per la famiglia tipo).

Quattro regioni sono addirittura in deflazione. Il record del risparmio per la Valle d’Aosta dove, la riduzione dei prezzi dello 0,7%, consente ad una famiglia media una minor spesa di 202 euro annui. Segua la Basilicata, con un’inflazione negativa dello 0,3% ed un risparmio di 63 euro. Al terzo posto, l’Emilia Romagna: -0,2% e -54 euro.

Tabella n. 1: Podio delle città più care (capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti), in termini di spesa aggiuntiva annua (in ordine decrescente di spesa per famiglia di 3 persone)

N Città Rincaro annuo per la famiglia di 3 persone Rincaro annuo per la famiglia tipo

(da 2,3 componenti)

Inflazione

annua di marzo

1 Bolzano 451 392 1,3
2 Trento 177 147 0,6
3 Napoli 172 151 0,7

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

Tabella n. 2: Podio delle regioni più care, in termini di spesa aggiuntiva annua (in ordine decrescente di spesa per famiglia di 3 persone)

N Regioni Rincaro annuo per la famiglia di 3 persone Rincaro annuo per la famiglia tipo

(2,3 componenti)

Inflazione

annua di marzo

1 Trentino Alto Adige 313 264 1
2 Campania 117 101 0,5
3 Umbria 94 87 0,4

Fonte: Unione Nazionale Consumatori su dati Istat

 

Tabella n. 3: Classifica completa delle città più care (capoluoghi di regione e comuni con più di 150 mila abitanti), in termini di spesa aggiuntiva annua (in ordine decrescente di spesa)

N Città Rincaro annuo per la famiglia tipo

(da 2,3 componenti)

Inflazione

annua di marzo

1 Bolzano 392 1,3
2 Napoli 151 0,7
3 Trento 147 0,6
4 Palermo 125 0,6
5 Bari 104 0,5
6 Trieste 96 0,4
7 Perugia 90 0,4
8 Catania 62 0,3
9 Padova 52 0,2
10 Cagliari 42 0,2
11 Milano 29 0,1
12 Livorno 27 0,1
13 Verona 26 0,1
14 Roma 25 0,1
15 Catanzaro 19 0,1
15 Reggio Calabria 19 0,1
16 Torino 0 0
16 Genova 0 0
16 Brescia 0 0
16 Ravenna 0 0
16 Firenze 0 0
16 Messina 0 0
17 Ancona -22 -0,1
18 Reggio Emilia -56 -0,2
19 Potenza -65 -0,3
20 Modena -84 -0,3
21 Bologna -85 -0,3
22 Venezia -132 -0,5
23 Parma -195 -0,7
24 Aosta -202 -0,7

 

Tabella n. 4: Classifica completa delle regioni più care, in termini di spesa aggiuntiva annua (in ordine decrescente di spesa)

 

N Regione Rincaro annuo per la famiglia tipo

(da 2,3 componenti)

Inflazione

annua di marzo

1 Trentino Alto Adige 264 1
2 Campania 101 0,5
3 Umbria 87 0,4
4 Sicilia 78 0,4
5 Calabria 74 0,4
6 Abruzzo 61 0,3
7 Puglia 58 0,3
8 Friuli-Venezia Giulia 46 0,2
9 Toscana 26 0,1
10 Veneto 25 0,1
10 Piemonte 25 0,1
12 Marche 22 0,1
13 Sardegna 20 0,1
14 Lombardia 0 0
14 Lazio 0 0
15 Liguria -23 -0,1
16 Emilia-Romagna -54 -0,2
17 Basilicata -63 -0,3
18 Valle d’Aosta -202 -0,7

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*