Ristoranti al chiuso, da 4 a 6 posti, nessun limite all’aperto

 
Chiama o scrivi in redazione


Ristorante il Bacio a Perugia

Ristoranti al chiuso, da 4 a 6 posti, nessun limite all’aperto

Dal 4 a 6. Inizialmente si era prospettato anche per 8, poi la scelta è stata di 6. E’ il numero massimo di persone che può andare al ristorante  in zona bianca e sedere al tavolo al chiuso. Per le tavolate all’aperto, invece, non ci sono limiti. Il Governo e le Regioni, sul caso dei commensali ai tavoli nei locali, hanno trovato alla fine la quadra con un compromesso: nessun limite all’aperto e un massimo di sei al chiuso o comunque di due nuclei familiari. Il ministro della Salute Roberto Speranza dovrebbe emanare un’ordinanza per definire le regole per la ristorazione.

“Continuano le scelte di buon senso del governo Draghi. Sono contento che la posizione che ho sostenuto fin da subito sull’eliminazione del limite dei 4 commensali all’aperto nei ristoranti e bar in zona bianca sia stata approvata. Come avevo anticipato ieri, questa posizione definisce e chiarisce una volta per tutte la differenza tra zone gialle e zone bianche, tra locali all’aperto e locali al chiuso”. E’ quanto dichiara il sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa (Noi con l’Italia).

“I cittadini – aggiunge – avrebbero fatto fatica a comprendere una interpretazione ulteriormente restrittiva che sembrava non tenere conto della situazione attuale, dove la campagna vaccinale sta proseguendo spedita e il 40% degli italiani ha ricevuto almeno una dose. E’ una nuova e ulteriore dimostrazione del fatto che gradualmente stiamo recuperando le nostre libertà. Proseguiamo dunque in questo percorso, non abbassando però la guardia, utilizzando senso di responsabilità e rispettando le regole anti contagio”.

“Avere aumentato da 4 a 8 il limite dei posti a tavola, per un locale al chiuso, è un passo che va sicuramente nella giusta direzione. Il Governo ha accolto la nostra richiesta e anche quella delle Regioni di rivedere un eccesso di cautela che rischiava, peraltro, di ostacolare la ripartenza delle attività come bar ristoranti e altri pubblici esercizi”. Lo afferma il senatore Udc, Antonio De Poli.

“Il superamento del limite di 4 persone ai tavoli dei ristoranti, esteso a 8 con la prospettiva di una rimozione definitiva in breve tempo, è sicuramente positivo. Dopo oltre un anno e mezzo limitazioni invalidanti per la socialità e le attività economiche, il percorso non può che andare verso una veloce normalizzazione”. Lo dichiara il deputato di Coraggio Italia Claudio Pedrazzini.

Il quadro epidemiologico da un lato, e la campagna di vaccinazioni dall’altro, indicano che è arrivato il momento di offrire agli italiani nuovi spazi di vita, seppure con le doverose precauzioni. Fiducia e normalità sono le sole leve per tornare a far crescere la domanda interna e per rilanciare l’economia”, conclude.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*