Umbria Salute, UGL vuole vederci chiaro sulla situazione dei 160 operatori

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria Salute, UGL vuole vederci chiaro sulla situazione dei 160 operatori

Umbria Salute, UGL vuole vederci chiaro sulla situazione dei 160 operatori

La UGL, prossima alla nomina in seno alla Umbria Salute e Servizi di propri rappresentanti, vuole vederci chiaro sul bando di selezione che si prevede per la regolarizzazione dei 160 precari operatori somministrati che a vario titolo e da vari anni lavorano per Umbria Salute e Servizi SCARL.
La UGL dopo aver letto gli articoli e addirittura udito prese di posizione pubbliche di alcuni sindacalisti non riesce a comprendere come mai questo iter si sta sviluppando proprio al cambio della giunta regionale. Si ventila addirittura che il bando uscirà il 30 di ottobre guarda caso dopo due giorni della nomina del nuovo presidente della regione e dopo oramai anni che la sinistra e i sindacati di sinistra avessero potuto risolvere questa problematica, come ampiamente dichiarato da qualche rappresentante sindacale.
E’ quindi non comprendiamo perché la partita va giocata con regole vecchie, ma con giocatori nuovi, in sintesi la vecchia giunta ha fatto le regole e quella nuova dovrà gestire il bando di concorso, NOI non ci stiamo, e faremo tutto quello che è possibile, anche con i nostri studi legali, per bloccare questa procedura e a bocce ferme con la nuova Giunta Regionale trovare soluzioni corrette e pubblicistiche che garantiranno la correttezza e la trasparenze, non ci sembra dalle intercettazioni emerse che questo gruppo dirigente e i partiti che fino ad ora hanno governato rappresentino novità e correttezza.
Sia chiaro che se e quando uscirà il bando effettueremo tutto quello che sarà possibile per boicottarlo e mettere le cose in chiaro rendendo la nuova Giunta regionale parte attiva della soluzione al problema.
Si deve giocare con nuove regole e con i nuovi giocatori visto che qui si gioca sulla pelle di 160 famiglie.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*