Zero morti Covid in Umbria, ma fare attenzione a Pasqua, si invita alla cautela

 
Chiama o scrivi in redazione


Zero morti Covid in Umbria, ma fare attenzione a Pasqua, si invita alla cautela

Zero morti Covid in Umbria, ma fare attenzione a Pasqua, si invita alla cautela

Zero morti in Umbria, non accadeva dal 20 ottobre scorso, esattamente 5 mesi fa. Secondo quanto riporta il sito della Regione alla data del 29 marzo le vittime sono 1.247 dall’inizio della pandemia, dato stabile tra domenica e lunedì. Continuano a scendere gli attualmente positivi, ieri 4.980, 83 meno di domenica. Legati a 49 nuovi positivi e 132 guariti.

© Protetto da Copyright DMCA

Secondo il fisico dell’università di Perugia, Luca Gammaitoni: “Non bisogna abbassare la guardia”. In vista di Pasqua invita comunque alla cautela. “Non dobbiamo fare come a Natale quando i contagi sono aumentati subito dopo le feste probabilmente per i comportamenti non corretti tenuti in quel periodo. Dobbiamo fare tesoro di quella esperienza” dice il professore.

“I numeri della pandemia di Covid in Umbria vanno bene. “Il dato che ‘guida’ e al quale bisogna guardare per capire come vanno le cose – spiega il professor Gammaitoni – è quello degli attualmente positivi. Che in Umbria sta scendendo, anche se in maniera meno rapida rispetto alle scorse settimane. I contagi stanno diminuendo in maniera più o meno uniforme in tutta l’Umbria e anche dove c’era qualche preoccupazione in più, come Terni, Città di Castello e Spoleto, negli ultimi giorni sembra essere arrivato il picco e si va verso un calo”.

Per il fisico l’obiettivo deve essere di “arrivare all’estate numeri da zona bianca”. “Dobbiamo puntare ad avere – aggiunge – pochi contagi e tante persone vaccinate. Bisogna somministrare più dosi possibile per sottrarre al fuoco la legna da ardere”. “Realisticamente – conclude il professor Gammaitoni – vediamo una luce in fondo al tunnel e non è un treno che ci viene contro”.

Tornando ai dati tra domenica e lunedì sono stati analizzati 385 tamponi e 47 test antigenici. Con un tasso di positività dell’11,3 per cento sul totale (era 5,1 una settimana fa) e del 12,7 sui soli molecolari (era 13,3). Tornano a salire i ricoverati in ospedale, 432, sette in più, 60 dei quali (dato invariato in terapia intensiva). Intanto sul fronte vaccini sono più di 100mila gli umbri immunizzati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*