Umbria Cuscinetti, morto Valter Baldaccini

baldacciniE’ morto questa notte, dopo una lunga malattia Valter Baldaccini, 68 anni, ingegnere della Umbria Cuscinetti. Nativo di Cannara, da molti anni reggeva l’azienda di Foligno, colosso della meccanica fine. Tra i primi ad esprimere il proprio cordoglio alla famiglia, la presidente della Regione, Catiuscia Marini.

La Marini ricorda “di aver conosciuto personalmente Valter Baldaccini e di aver visto in lui innanzitutto un uomo perbene, generoso e di grande intelligenza, profondamente convinto del valore sociale dell’impresa”.

Per la presidente della Regione, Baldaccini “è stato senza alcun dubbio un industriale dalle spiccate capacità innovative. Uomo di impresa lungimirante e coraggioso che, sebbene legatissimo ed orgoglioso della sua Umbria e della sua città natale Cannara, ha saputo guardare oltre i confini della nostra piccola regione, conquistando alla sua impresa una presenza ed una autorevolezza sui mercati mondiali in un settore, come quello della meccanica di precisione e dell’aeronautica, molto difficile e competitivo, portando Umbra Cuscinetti e tutto il gruppo ad essere leader mondiale nella componentistica per flap e stabilizzatori per aeromobili per conto della Boeing”.

“Grazie anche al suo impegno e alla sua capacità di coinvolgimento e di fare squadra – prosegue la Marini – è nato in Umbria, in un lavoro di collaborazione tra imprese ed istituzione regionale, uno dei poli industriali più innovativi e con il maggior valore aggiunto: quello dell’aerospazio. Con lui – conclude la presidente – perdiamo un grande protagonista dell’industria e dell’economia umbra. Mancherà molto la sua straordinaria e coinvolgente voglia di fare ed operare per il bene comune e della collettività”.

Cordoglio è stato espresso, a nome dell’intera città, anche dal sindaco di Foligno, Nando Mismetti.

“Baldaccini è stato un grande manager che ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo dell’azienda folignate nel settore dell’aeronautica – ha osservato Mismetti – portandola a livelli di competitività assoluta, divenendo partner di imprese come la Boeing. Ma Valter va ricordato, oltre che per le sue doti di industriale lungimirante, anche per le sue qualità umane e per il suo impegno nel sociale e nella solidarietà. Foligno e l’Umbria perdono un uomo di grande levatura”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*