Ubriaco alla guida picchia la moglie che gli chiede di fermare l’auto

Soccorso dalla polizia per overdose, ma doveva essere in carcere

Ubriaco alla guida picchia la moglie che gli chiede di fermare l’auto

Gli agenti della Squadra Volante della Questura di Perugia sono intervenuti, a seguito di segnalazione pervenuta alla Sala Operativa da parte di un passante che aveva assistito all’aggressione di una donna da parte di un uomo.

La pattuglia è arrivata in pochi minuti sul posto e ha individuato subito la coppia, entrambi cittadini italiani, classe 1985 e 1989. L’uomo si trovava ancora in stato di forte agitazione accanto alla vettura ferma lungo la strada. La donna invece era a pochi metri di distanza, in lacrime, con una evidente tumefazione al volto e con in braccio la figlia di pochi mesi mentre teneva per mano il figlio di undici anni.

Le condizioni di forte agitazione dell’uomo hanno fatto immediatamente pensare ad uno stato di ebbrezza alcoolica. Invitato dagli operatori a sottoporsi all’alcoltest, ha rifiutato categoricamente gli accertamenti mediante etilometro. Dalla ricostruzione dei fatti, è emerso che il 38enne si era scagliato sulla moglie dopo che gli aveva chiesto di accostare l’auto: sarebbe voluta scendere perché il marito stava guidando ubriaco e lei aveva paura vista anche la presenza dei bambini.

Dopo aver fatto un po’ di strada, l’uomo aveva deciso di fermare la marcia dell’auto e dopo averla colpita al volto, l’aveva trascinata fuori dal veicolo continuando a strattonarla. Un passante, vista la scena, aveva cercato di intervenire chiamando il numero di emergenza, frapponendosi tra i due. All’arrivo della Volante, la 33enne stava cercando di allontanarsi con i bambini. Date le condizioni psicofisiche della donna, i poliziotti hanno richiesto l’intervento degli operatori del 118 che l’hanno trasportata in ospedale con i bambini per gli accertamenti e le cure del caso. Il 38enne, accompagnato in Questura, è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per i reati di lesioni e percosse nonché per guida in stato di ebbrezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*