Strage di Corinaldo, banda aveva colpito anche in Umbria

 
Chiama o scrivi in redazione


Strage di Corinaldo, banda aveva colpito anche in Umbria

Strage di Corinaldo, banda aveva colpito anche in Umbria

Erano soliti spruzzare sostanze urticanti per commettere scippi e rapine all’interno delle discoteche i sei giovani modenesi arrestati, insieme a un ricettatore. E’ la banda dei furti in discoteca con lo spray al peperoncino, che ha causato la strage nella discoteca di Corinaldo, nella notte tra il 7 e l’ 8 dicembre dello scorso anno. A Corinaldo morirono 5 adolescenti e una giovane mamma. La ha continuato settimanalmente a colpire nelle discoteche e lo ha fatto anche in alcune discoteche umbre ma evitando ogni uso di spray al peperoncino. Ci sarebbe anche un caso in cui, per commettere una rapina, “e’ stato utilizzato il taser”.

I carabinieri sono arrivati alla banda dopo un lungo e complesso lavoro di analisi di dati e testimonianze partite la sera stessa della strage, quando sei persone presenti nel locale di Corinaldo denunciarono di essere stati vittime di furti: il primo riferì che gli fu strappata di dosso una catenina, gli altri cinque dissero di essere stati rapinati e, in questi ultimi casi, gli autori utilizzarono la sostanza urticante, o per compiere l’atto e o per allontanarsi velocemente.

Un modus operandi che gli inquirenti hanno ritrovato in un episodio analogo, accaduto in una discoteca di Fabriano (Ancona): proprio analizzando i due eventi, i militari sono risaliti a due giovani modenesi, presenti in entrambi i locali, e individuando gli altri complici e il ricettatore. I sette arresti, dunque, avrebbero chiuso il cerchio intorno a una banda seriale. Il blitz dei carabinieri è scattato “per scongiurare altri eventi del genere”.

Dal febbraio a maggio di quest’anno, la banda aveva preso di mira locali notturni, discoteche e persino un’area di servizio in 7 regioni (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria e Marche) e gli oggetti d’oro rubati sono finiti nelle mani del ricettatore amico, anche lui da in carcere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*