Spello, “racket” degli asparagi, sgominata una banda, cinque denunce

2764Si appostavano nei pressi delle auto lasciate in sosta dai raccoglitori di asparagi e al loro sopraggiungere li minacciavano e costringevano a consegnare loro il raccolto per evitare di essere pestati. Gli asparagi rubati venivano poi venduti in mazzetti a 10 euro davanti a esercizi commerciali o uffici postali (Agorà e Conad di Foligno e Ufficio postale di Vescia). Sul loro cammino hanno trovato la polizia provinciale che ha individuato, sanzionato e denunciato all’autorità giudiziaria cinque stranieri, presumibilmente facenti parte di un’organizzazione criminale. I malcapitati, in prevalenza anziani, di fronte alle minacce non potevano far altro che consegnare il frutto delle loro fatiche.

E’ accaduto tra Spello e Belfiore e a mettere sulle tracce dei malviventi la Polizia Provinciale del comprensorio di Foligno è stata una segnalazione effettuata da cittadini di Assisi, vittime del sopruso. L’indagine degli agenti provinciali ha permesso di appurare che gli appartenenti all’organizzazione si dividevano funzioni di “raccoglitori”, trasportatori e venditori.

Ai “raccoglitori” il compito di minacciare i cittadini facendosi consegnare brutalmente gli asparagi. La segnalazione ha fatto scattare l’operazione grazie alla quale sono stati individuati  due senegalesi, un cingalese e due provenienti rispettivamente da Sierra Leone e Bangladesh. Solo uno dei cinque è stato in grado di esibire valido documento di identità; due risultavano privi di permesso di soggiorno e gli altri due sono stati condotti presso il locale commissariato di Foligno per i necessari rilievi dattiloscopici. Ai cinque sono state elevate sanzioni amministrative che vanno da un minimo di 5.000 ad un massimo di 30.000 euro riferite al D.Lgs 114/98 – disciplina relativa al settore del commercio e sono stati confiscati circa 8 chili di asparagi che sono stati donati in beneficenza. Intanto proseguono le indagini con l’obiettivo di individuare tutti gli elementi che possano ricondurre all’organizzazione criminale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*