SIENA, AGGREDIRONO DUE PERSONE, DENUNCIATI 3 ULTRA’ DEL PERUGIA

Perugia Ascoli tafferugli fuori lo stadio Curi (10)(umbriajournal.com) PERUGIA – Sono stati individuati dalla Polizia tre ultras del Perugia calcio che lo scorso 22 settembre avevano aggredito due persone all’area di servizio “Il Doccio”, nel Comune di Murlo, in territorio senese, di ritorno dalla trasferta grossetana, dopo l’incontro di calcio del campionato di Lega Pro.
Grazie alla perfetta sinergia tra le Questure di Siena e Perugia, con le indagini condotte dalle rispettive Squadre Tifoserie di entrambe le Digos si è giunti a dare un volto ed uno nome a tre tifosi del gruppo che fu protagonista dell’episodio di violenza ormai noto alle cronache.
In particolare al termine della partita Grosseto- Perugia, un pullman di sostenitori biancorossi si era fermato all’area di servizio “Il Doccio”, sulla strada statale 223, tornando verso il capoluogo umbro.
Un gruppetto di ultras, sceso dal mezzo, aveva aggredito con frasi ingiuriose una dipendente del bar, per poi passare alle vie di fatto immobilizzandola prima, spingendola verso l’uscita di sicurezza del market, impedendole così di muoversi e allontanarsi, danneggiandole poi anche il telefono cellulare con il quale stava effettuando delle riprese.

Dopo pochi minuti lo stesso gruppo si era rivolto con violenza contro il gestore del distributore di carburante, che era intervenuto in difesa della donna, picchiandolo con calci e pugni.
A seguito dell’aggressione entrambe le vittime rimasero ferite, riportando lesioni con una prognosi di 5 e 14 giorni.
Oggi, F.F, di 47 anni, S.M.C, 42 anni, e S.G, 41 anni, tutti e tre residenti in Umbria, dopo essere stati denunciati dalla Polizia per violenza privata e lesioni personali in concorso, sono stati sottoposti a Daspo, per un periodo di 5 anni, dal Questore di Siena Giancarlo Benedetti.
Le indagini da parte delle due Questure intanto proseguono, in stretto raccordo, per individuare le altre persone coinvolte nell’episodio di violenza.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*