Ruba al supermercato, viene scoperto e picchia il direttore, arrestato

 
Chiama o scrivi in redazione


Ruba al supermercato, viene scoperto e picchia il direttore, arrestato

Ruba al supermercato, viene scoperto e picchia il direttore, arrestato

Venite subito, un uomo ha picchiato il direttore del supermercato! Questa la richiesta giunta al 112 dei Carabinieri di Assisi. La centrale Operativa a quel punto invia immediatamente sul posto la pattuglia competente della Stazione Carabinieri di Bastia Umbra, che ha provveduto a ricostruire l’intera vicenda grazie alla puntuale collaborazione di alcuni cittadini presenti all’accaduto.

L’uomo, un pregiudicato 49enne del luogo, già conosciuto per azioni analoghe, munito di mascherina e guanti, si era recato nel supermercato ed aveva posto nel carrello alcuni generi alimentari celando, tuttavia, molta altra merce all’interno degli indumenti indossati.

Una volta arrivato alla cassa lo stesso è stato invitato a poggiare tutta la merce abilmente nascosta e, dopo aver tentato di scusarsi, avuto sentore che il personale dell’esercizio commerciale stava chiamando i Carabinieri, ha aggredito con calci e pugni il direttore del supermercato, facendolo cadere rovinosamente a terra, per poi darsi a repentina fuga nelle vie circostanti.

Le immediate e tempestive ricerche dei militari di Bastia Umbra allertati dalla chiamata d’emergenza hanno permesso di rintracciare l’uomo, che nel frattempo si era disfatto della merce rubata, non molto lontano dal teatro dei fatti, a bordo di un’autovettura intestata ad una persona deceduta ormai da tempo.

Gli accertamenti hanno permesso, inoltre, di appurare che l’uomo era anche sprovvisto di patente di guida.

Nei giorni successivi l’Autorità Giudiziaria, immediatamente portata a conoscenza dei fatti e degli accertamenti svolti, ritenuta la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza, nonché la necessità di esigenze cautelari ed il concreto pericolo di reiterazione del reato, emetteva ordinanza di custodia domiciliare a carico dell’uomo che veniva immediatamente eseguita dagli uomini dell’Arma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*