Rapine in strada, tre donne aggredite a Perugia, uno catturato al Museo

Rapine in strada, tre donne aggredite a Perugia, uno catturato al Museo

Rapine in strada, tre donne aggredite a Perugia, uno catturato al Museo Come una scena da film: così l’ha raccontata la persona vittima dell’aggressione. Una sessantenne è stata aggredita alle spalle, buttata a terra e scippata da un 25enne nigeriano che poi ha tentato la fuga. E’ accaduto ai Tre Archi di Perugia, in pieno centro storico, alle ore 10 di ieri. Un poliziotto della polizia stradale, due carabinieri, un operaio, un avvocato e gli uscieri del Museo nazionale dell’Umbria l’hanno aiutata e l’uomo è stato catturato proprio nelle catacombe del museo.

Un operaio ha visto tutta la scena e ha cercato di prenderlo ma senza riuscirci. In quel momento passava in zona un poliziotto della stradale che, anche grazie alle indicazioni fornite da un avvocato, si fionda immediatamente nel museo nazionale dove il giovane scippatore è stato segnalato. Vengono allertati anche gli uscieri del museo, e sul posto arrivano velocemente due carabinieri. L’inseguimento termina nelle catacombe del museo, dove lo straniero viene ammanettato. Calci, pugni e graffi alle forze dell’ordine per opporsi all’arresto con gli agenti rimasti lievemente feriti.

LEGGI ANCHE: Perugia, scippo anziana in via Fonti Coperte, preso il rapinatore

Un altro caso simile è accaduto ad altre due donne. Il primo si è registrato nella zona di via XX Settembre nel pomeriggio di lunedì. Una donna è stata aggredita improvvisamente da un uomo, che la scippa e poi scappa. L’autore potrebbe essere un nordafricano che si sarebbe avvicinato e le avrebbe strappato la catenina d’oro al collo.

Altro strappo di una catenina d’oro nella zona di San Marco è avvenuto nel tardo pomeriggio di lunedì, una donna sta aspettando il pullman quando viene avvicinata da un uomo che le strappa la catenina dal collo. Stavolta però la fuga è in auto, dove lo attendono altri due compari. A indagare la Polizia. (Fonte: Messaggero Umbria)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*