Prete arrestato, Don Vincenzo avrebbe incontrato uno dei ragazzi 🔴 video



Prete arrestato, Don Vincenzo avrebbe incontrato uno dei ragazzi

Emergono nuovi particolari sulla vicenda dell’ex parroco di San Feliciano. In particolare – secondo quanto emerge – pare che Don Vincenzo Esposito conoscesse uno dei minorenni coinvolti nell’inchiesta e in passato lo aveva incontrato di persona. La notizia è riportata oggi dalla Nazione Umbria in un articolo a firma di Sara Minciaroni.

Don Vincenzo Esposito ora vuole parlare e a un mese dopo i fatti è pronto a rispondere alle domande del giudice, dopo essersi inizialmente avvalso della facoltà di non rispondere. L’exx parroco di San Feliciano, attualmente rinchiuso nel carcere di Spoleto è accusato di prostituzione minorile e pedopornografia. Nella videoconferenza, via webcam tra il carcere di Spoleto e il palazzo di giustizia di Palermo che si svolgerà la prossima settimana, il prete spiegherà anche il collegamento tra lui e i quattro giovani di Termini Imerese a cui avrebbe chiesto immagini erotiche via cellulare in cambio di qualche decina di euro.

L’ex parroco – come detto – avrebbe incontrato in passato almeno uno dei quattro minorenni coinvolti e questo incontro sarebbe avvenuto proprio a Termini Imerese in occasione di una visita di Don Vincenzo al suo paese natale, Caltavuturo (Palermo). Il religioso, in questa occasione avrebbe incontrato la madre del ragazzo – la donna finita ai domiciliari con le medesime accuse del prete – e lo stesso giovane, l’unico dei quattro che avrebbe visto in volto secondo quanto sostenuto dall’indagato.

Don Vincenzo ha raccontato al suo legale, Renato Vazzana, di essere entrato in contatto con questa famiglia per aiutarla economicamente. Continua a dichiararsi innocente rispetto alle accuse che gli vengono mosse. Il parroco, poco prima di Ferragosto, aveva chiesto di essere scarcerato e di essere inviato agli arresti domiciliari nella canonica di San Feliciano, ma il gip Fabio Pilato ha respinto l’istanza.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*