Movida selvaggia Perugia, scatta la pulizia di scalinate e vicoli

 
Chiama o scrivi in redazione


Movida selvaggia Perugia, scatta la pulizia di scalinate e vicoli

Un piano per limitare i danni da movida selvaggia. E’ quanto sta valutando il Comune di Perugia che ieri ha fatto una riunione con Leonardo Panfili (Confcommercio) e alcuni commercianti in rappresentanza dei colleghi del centro storico. Erano presenti l’assessore alla protezione civile Luca Merli e con la Comandante della Municipale Nicoletta Caponi. Tra le soluzioni emerse – scrive oggi la Nazione Umbria – come prima cosa per limitare i disagi dei residenti è installazione di bagni chimici.

Oltre alla pulizia no stop delle scale del Duomo e delle vie del centro dalle 24 in poi del venerdì. Il Municipio ha stipulato infatti un accordo con la Gesenu, per garantire lo spazzamento e il lavaggio chimico delle zone più hot della movida.

La soluzione dei bagni chimici non piace ad alcuni. Non si sa se i giovani li utilizzeranno. Non è escluso che sarebbero distrutti dopo qualche giorno. I commercianti chiedono più controlli nei confronti delle attività di minimarket e similari e concordare un prezzo minimo per la vendita di superalcolici ed evitarne la vendita sottocosto. L’ordinanza che vieta la vendita di alcol ogni venerdì e sabato, nelle zone del Centro Storico e a Fontivegge, dalle 23 alle 6, ancora rimane. In tutte queste zone e negli stessi orari, non potrà essere neanche consumato alcol all’aperto. I gestori del centro tornano a chiedere la revoca dell’ordinanza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*