Morte Samuele, il 28 ottobre al via agli accertamenti scientifici

Morte Samuele, il 28 ottobre al via agli accertamenti scientifici

Morte Samuele, il 28 ottobre al via agli accertamenti scientifici

Il 28 ottobre saranno avviati gli accertamenti scientifici irrepetibili presso i laboratori di Genetica forense del Ris di Roma per fare chiarezza sulla morte di Samuele De Paoli, il ventiduenne di Bastia Umbra, trovato cadavere il 28 aprile scorso in un campo, a Sant’Andrea delle Fratte. La notifica è arrivata nel pomeriggio di venerdì. Gli accertamenti dovrebbero riguardare alcuni reperti trovati e posti sotto sequestro dove è stato rinvenuto Samuele, all’attenzione dei tecnici del Ris dovrebbero esserci anche dei preservativi.


Fonte: la Nazione Umbria
Annalisa Angelici


Una trans brasiliana è tuttora indagata a piede libero. L’accusa che le rivolge il pubblico ministero che coordina l’indagine, Giuseppe Petrazzini, è omicidio preterintenzionale. Gli accertamenti arrivano a sei mesi esatti dalla tragica scoperta del cadavere di Samuele. Il ventiduenne, secondo l’esame autoptico, eseguito dal professor Mauro Bacci e dal dottor Sergio Scalise, è morto per arresto cardiocircolatorio dovuto a un riflesso vagale.

Una circostanza che sarebbe stata favorita, secondo i medici legali, dal fatto che Samuele aveva assunto cocaina. I due, secondo quanto merso dalle indagini, si sarebbero poi appartati per consumare un rapporto. Il ventiduenne avrebbe aggredito la trans che per difendersi e sottrarsi alle botte, avrebbe afferrato il collo di Samuele, provocandone il decesso a causa del riflesso vagale.

Per la difesa parteciperanno alle operazioni il medico legale Anna Maria Verdelli e la genetista forense, Cristina Peconi. La famiglia di Samuele, assistita dagli avvocati Walter Biscotti e Brenda Ercolani, non si è mai arresa e chiede che gli investigatori facciano completa chiarezza su quanto è accaduto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*