Morta Silvana Benigno, mamma coraggio che lottava contro il cancro

 
Chiama o scrivi in redazione


Morta Silvana Benigno, mamma coraggio che lottava contro il cancro

Morta Silvana Benigno, mamma coraggio che lottava contro il cancro

E’ morta Silvana Benigno, la mamma-coraggio che lottava contro il cancro. Il Prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, le aveva consegnato la nomina ufficiale del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Cavaliere dell’Ordine, pochi giorni fa. il Prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, le aveva consegnato la nomina ufficiale del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Cavaliere dell’Ordine “Al merito della Repubblica Italiana”.
Tantissimi i messaggio cordoglio sui social e soprattutto sulla sua pagina Facebook: “Donna coraggiosa, esempio vero”. “Silvana ha dimostrato nonostante la brutta malattia che bisogna lottare fino alla fine pensando anche agli altri”. “Il sorriso, il coraggio, la determinazione di una grande donna sostenuta dalla forza di un grande uomo e dalla sua famiglia.”

“Abbiamo pronunciato tante parole di apprezzamento per sua lotta contro il cancro, in tante occasioni siamo stati accanto a lei nelle raccolte di fondi per la ricerca e nelle innumerevoli iniziative di solidarietà; ma oggi che Silvana Benigno se ne è andata è il giorno del silenzio perché a ricordarla sia il sorriso con cui ha affrontato la malattia e il coraggio che ha trasmesso a chi sta vivendo la stessa dura prova del destino.

Come istituzioni abbiamo sostenuto da subito e con convinzione la battaglia che Silvana ha condotto non tanto contro una malattia quando contro gli effetti che la malattia produce sulle persone, interrompendo i progetti, le relazioni, il futuro e rendendoti profondamente infelice.

Silvana negli anni in cui l’abbiamo conosciuta come personaggio pubblico ha cercato di essere felice nonostante la malattia e lo ha fatto impegnandosi su obiettivi dal forte valore sociale nel quale ha saputo coinvolgere tutti, dai suoi concittadini che l’hanno sempre seguita con affetto, ai personaggi famosi, fino al conferimento da parte del Presidente della Repubblica di uno dei più alti riconoscimenti civili del nostro Paese, il Cavalierato, che meno di 48 ore fa, il Prefetto ha voluto consegnare di persona. Silvana è stata un esempio, in primo luogo per se stessa, perché è riuscita a non arrendersi mai, e per i suoi familiari, ai quali va il pensiero del sindaco e, credo di interpretare, della comunità tifernate.

Il marito Fabrizio, la figlia Federica, la mamma i suoceri, in particolare Flavio Paladino, con un passato da amministratore, devono sapere che non solo soli e che Silvana mancherà molto anche a tutti noi. Siamo certi che nessuno farà mancare i sentimenti di dolore e cordoglio alle persone che hanno compiuto con Silvana una difficile traversata con momenti molto belli e momenti molto duri.

Ed oggi è probabilmente il più duro. Per questo ci stringiamo alla famiglia di Silvana e la salutiamo con l’impegno a mantenere alto il senso della sua battaglia e a proseguire nel sostegno ad una ricerca che debelli per sempre questa terribile malattia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*