Lacugnana, 550 firme raccolte contro la strada della morte 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Lacugnana, 550 firme raccolte contro la strada della morte

Lacugnana, 550 firme raccolte contro la strada della morte

Cinquecentocinquanta firme raccolte in solo 10 giorni contro la strada della morte: Lacugnana. I residenti chiedono al comune di mettere in sicurezza la strada di Lacugnano, tra Olmo e San Sisto. Un arteria costruita 30 anni fa quando i mezzi erano pochissimi a circolare: «Ora inadeguata al traffico attuale, una via di collegamento tra quartieri è diventata un’arteria principale della viabilità in città».

Non è la prima volta che i residenti lo chiedono, ma la cosa si è accesa ancora di più dopo due gravi incidenti stradali, uno mortale dove ha perso la vita in giovane motociclista e, dopo una settimana, una donna è rimasta gravemente ferita.

«Non è solo un problema di velocità – scrivono in un post -, manca tutto! Marciapiedi, segnaletica adeguata, in alcuni tratti è piena di buche, carreggiata stretta. Gli speed chech sono divelti da anni..e forse non hanno mai funzionato. Noi vogliamo le rotatorie!! Basta con i faremo e vedremo, non c’è tempo da perdere, bisogna agire subito».

I cittadini di Lacugnano chiedono un immediato interessamento dell’amministrazione comunale per la messa in sicurezza della strada Lacugnano/Ellera. «Questa strada – dicono -, con l’apertura dei grandi centri commerciali è diventata una delle principali arterie di collegamento tra San Sisto, Ellera e Ferro di cavallo. Lo stato di assoluto abbandono in cui versa è certamente fattore di rischio per i cittadini che l’attraversano e per residenti che vi abitano. Per questo chiediamo un’immediato è risolutivo intervento strutturale in grado di porre in sicurezza questa strada e l’intero quartiere».

Tutte problematiche che erano finite in un reportage girato in scooter da Alberto Antognelli per Tele Lacugnano, una pagina Facebook.

Reportage da Lacugnano!!Condividiamolo il più possibile.

Gepostet von TELE Lacugnano am Samstag, 13. Juni 2020

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*