La morte di Dario Razzi uomo, pm ed intellettuale di valore

 
Chiama o scrivi in redazione


La morte di Dario Razzi uomo, pm ed intellettuale di valore

La morte di Dario Razzi uomo, pm ed intellettuale di valore

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Domani mattina (sabato alle 10) in San Pietro si svolgeranno i funerali di Dario Razzi, magistrato, classe 1951, nato a Sassoferrato ma perugino acquisito, già sostituto procuratore a Trento, giudice istruttore e giudice collegiale ad Ancona, quindi sostituto procuratore della repubblica e sostituto procuratore della direzione distrettuale Antimafia a Perugia ed infine sostituto procuratore generale alla corte d’appello del capoluogo umbro fino alla morte (negli ultimi tempi aveva diretto ad interim l’ufficio).

Con lui si é spento non solo una persona di grande valore ed un ottimo magistrato, ma un brillante ed acuto intellettuale, non privo di elegante ironia.

Aveva curato, infatti, la pubblicazione del “De tyranno – Trattato sulla tirannide” di Bartolo da Sassoferrato (di cui era, sia pure a distanza di secoli, concittadino) con la prefazione di Diego Quaglioni, professore dell’università degli studi di Trento e la traduzione del testo latino di Attilio Turrioni, per i tipi de “Il Formichiere” di Foligno. In pratica il dottor Razzi ha permesso che si potesse leggere in lingua italiana il testo di settecento anni or sono, scritto in latino e raffrontato tra una quindicina di manoscritti, frutto del pensiero di Bartolo, gloria giuridica dell’ateneo perugino del Trecento.

Oltre a trattare il tema del “buon governo” il giurista e politico ricercato, ai suoi tempi, in tutta Europa per pareri e consigli, Bartolo affronta anche il delicatissimo tema del tirannicidio. E sostiene, nel caso in cui chi governa assuma comportamenti dispotici e dittatoriali, che la ribellione e l’uccisione del tiranno sia del tutto legittima.

Razzi inoltre aveva pubblicato anche il Trattato sulle Costituzioni e il Trattato sui partiti politici nella collana “Piccola biblioteca del Pensiero Giuridico”.

Parlare con una persona pacata e mai sopra le righe rappresentava un piacere. La sua partenza avrà un peso sulla comunità perugina e non solo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*