Inchiesta sanità, cominciati interrogatori di garanzia con il gip

Inchiesta sanità, cominciati interrogatori di garanzia con il gip

Sono cominciati oggi i primi interrogatori di garanzia con il gip Valerio D’Andria che ha disposto gli arresti domiciliari per Emilio Duca, Luca Barberini, Gianpiero Bocci, Maurizio Valorosi e sei misure interdittive di sospensione dai pubblici uffici per la durata di sei mesi nei confronti di dirigenti e responsabili dell’Azienda ospedaliera, oltre al direttore sanitario, Diamante Pacchiarini. Tutti coinvolti nell’inchiesta sanità che ha scosso l’intera regione.

Il primo a comparire è stato il direttore sanitario, Diamante Pacchiarini, poi Maria Rosaria Franconi, Gabriella Cario, Maria Cristina Conte.

Giovedì saranno sentiti Antonio Tamagnini, Roberto Ambrogi, e il direttore generale Emilio Duca, difeso dall’avvocato Francesco Falcinelli.

Venerdì l’ex sottosegretario agli Interni, Gianpiero Bocci, e l’ex assessore Luca Barberini – assistiti dal professor David Brunelli e dall’avvocato Chiara Peparello, e il direttore amministrativo, Maurizio Valorosi.

Per i pm Mario Formisano e Paolo Abbritti, titolari dell’inchiesta con la supervisione del procuratore capo, Luigi De Ficchy, l’associazione era “finalizzata alla manipolazione sistematica dei concorsi pubblici all’ospedale e alla Usl Umbria 1, per garantire la vittoria o il posizionamento utile in graduatoria dei candidati, preventivamente determinati dagli stessi associati” che ricevevano “direttive dalla classe politica locale”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*