Due interventi in successione due ciclisti in ospedale con l’elisoccorso

Tutti e due i feriti sono stati trasportati all'ospedale di Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Coppia di escursionisti spagnoli in difficoltà, ferita la donna, è in ospedale

Due interventi in successione due ciclisti in ospedale con l’elisoccorso

di Matteo Moriconi
Sono stati due gli allertamenti che ha ricevuto oggi il Soccorso Alpino e Speleologico Umbria (SASU) dalla Centrale Operativa Unica Regionale del 118 e che hanno visto operare, per ben due volte in successione, le squadre del SASU provenienti da Terni, composte da tecnici, operatori e sanitari. Congiuntamente, per entrambi i casi, veniva attivato anche l’elisoccorso del 118 Icaro 2 di base a Fabriano, con a bordo un medico anestesista rianimatore, un infermiere e un tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino e Speleologico.

La prima chiamata è stata ricevuta poco dopo le 10:00 della mattinata odierna, per un ciclista precipitato in una scarpata sul Monte Zannuto in località Cesi. Le squadre SASU e l’elisoccorso e, prestate le prime cure, hanno recuperato il ciclista con l’uso del verricello dell’elicottero e poi lo hanno trasportato all’aviosuperficie di Terni da dove l’ambulanza lo ha condotto all’ospedale Santa Maria.

  • Nel frattempo, le squadre di terra del SASU hanno accompagnato i compagni dell’infortunato a valle. Sul posto presenti anche i Vigili del fuoco.

Successivamente, dopo 15:30, una nuova richiesta di intervento per un altro ciclista infortunato sul monte Piglio nel Comune di Amelia. Qui l’attività dei soccorritori è stata molto complessa, sia per il luogo particolarmente impervio, sia per la totale assenza di comunicazioni.

Sul luogo si sono recate due squadre del SASU provenienti da Terni e l’elisoccorso Icaro 2.  Prestate le prime cure, il paziente è stato recuperato con le stesse modalità del precedente intervento e poi trasportato all’aviosuperficie di da dove l’ambulanza lo ha poi condotto in ospedale. Sul posto presenti anche i Carabinieri della Stazione di Amelia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*