Davide Pecorelli non era a pregare a Medjugorie, ma a Valona a divertirsi 🔴 VIDEO

Davide Pecorelli non era a pregare a Medjugorie, ma a Valona a divertirsi
Immagine da Top-channel.tv

Davide Pecorelli non era a pregare a Medjugorie, ma a Valona a divertirsi

Davide Pecorelli sarebbe stato a Valona almeno fino al 12 settembre sotto la falsa identità di Cristiano e non in un convento vicino a Medjugorie a pregare, come raccontato dall’imprenditore ai magistrati di Perugia che lo hanno sentito proprio lunedì, come persona informata sui fatti, in relazione alla sua scomparsa, denunciata dalla compagna nel gennaio scorso.

“Davide Pecorelli, l’italiano che ha messo in scena la sua morte nel gennaio di quest’anno, ha mentito a tutti. Dopo che si è scoperto che era vivo in Italia, è stato interrogato dai pubblici ministeri mentre raccontava ai giornalisti che era stato monaco in Bosnia per tutto questo tempo. Sono le immagini messe a disposizione di Top Channel. Ma in effetti Davide Pecorelli, con un aspetto diverso, ma ancora con lo stesso sorriso, viveva a Valona. Con gli amici ad accoglierlo, con il brandy, il cibo lunghe conversazioni sul calcio”. E’ quanto scrive Top Channel Tv su un articolo documentato con foto e video. La Notizia è stata ripresa oggi dalla Nazione Umbria, dal Corriere dell’Umbria, dal messaggero Umbria e da altri quotidiani della carta stampata.

Ekskluzive/ Italiani i zhdukur, fshihej në Vlorë/ Davide Pecorelli, me emrin Cristiano shtirej si shkrimtar

“A marzo – scrive Top Channel in un suo articolo – è stato presentato loro come Cristiano e ha trascorso l’intera estate a Valona”. Le immagini sono di Top Channel. “Pecorelli – scrive – con i capelli lunghi e la barba rimaneva tutto il giorno nei bar, ristoranti e spiagge di Valona. Questa è una foto di uno dei pomeriggi con lunghe conversazioni con tanto brandy e storie mentre si progettava di viaggiare con la squadra di punta a Parga in Grecia per una partita amichevole. Ogni giorno passeggiava sul Lungomare, giocava a calcio sui campi sportivi e andava in spiaggia. Ha detto ai suoi amici albanesi che stava scrivendo una storia sul conte di Montecristo situato sull’isola di Sazan. E infatti era così ossessionato da questa storia che alla fine è stato catturato proprio sulla famosa isola di Montecristo in Italia. A Puka, i resti di un uomo sono stati trovati nell’auto da lui noleggiata e l’accusa albanese dovrebbe accusarlo di distruzione di proprietà e persino di esumazione. Intanto si pensa che Pecorelli avesse dei collaboratori che lo aiutassero in questa truffa”. 

Top Channel/ Davide Pecorelli fshihej në Vlorë/ Shtirej si shkrimtar emrin Cristiano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*