Coronavirus, sospeso avvio dei test rapidi nella struttura privata

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, sospeso l'avvio dei test rapidi dopo ispezioni di Nas e Asl

Coronavirus, sospeso avvio dei test rapidi nella struttura privata

La Chiriofisiogen Center ha deciso di sospende l’avvio dei test rapidi per Covid 19. La notizia è arrivata nella tarda serata del 2 aprile. Alberto Brugnoni, il titolare dell’azienda lo ha comunicato tramite i social: “Abbiamo deciso di confrontarci con la direzione generale della sanità dell’Umbria e dopo il confronto si e’ deciso di costituire un tavolo tecnico martedì o mercoledì della prossima settimana al fine di condividere con la direzione regionale le procedure per l’attivazione del servizio. E’ quanto su Facebook Alberto Brugnoni. Naturalmente essendo noi da sempre rispettosi delle istituzioni sanitarie umbre abbiamo aderito al tavolo tecnico sospendendo l’inizio dell’attività previsto per domani (oggi ndr) ai giorni successivi alle decisioni che verranno prese sui percorsi attuativi di questo servizio”.

“Considerato che oggi siamo stati oggetto di due ispezioni Nas e Asl. Tutte positive, nessuna criticità rilevata – ha scritto Brugnoni -. I tanti insulti sui social perché considerati approfittatori del momento, peraltro, per una attività che a considerare le le prenotazioni ricevute ha ottenuto un successo a pieni voti”.

Tutte le persone che avevano già prenotato i testi per oggi e domani sono state avvertite dello stop: “Siamo pronti – conclude il post di Alberto Brugnoni – con personale adeguatamente preparato e percorsi di sicurezza atti a preservare la salute dei pazienti e dei nostri operatori ad eseguire oltre 5000 test nei prossimi giorni”.


LEGGI ANCHE: Test rapido per il Covid 19 in strutture private costa 70 euro, ecco dove

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*