Dolore e sconcerto per la morte di Claudio Zucchini, infermiere ucciso da un tumore

 
Chiama o scrivi in redazione


Dolore e sconcerto per la morte di Claudio Zucchini, infermiere ucciso da un tumore

Dolore e sconcerto per la morte di Claudio Zucchini, infermiere ucciso da un tumore

«Oggi piangiamo la morte di un compagno di lavoro, di un compagno della Cgil, di un infermiere che era anche molto di più: un amico, un collega sempre presente, sempre pronto a spendersi se gli chiedevi aiuto o semplicemente un consiglio».

Il cordoglio della Cgil

Comincia così il messaggio di cordoglio che le donne e gli uomini della Cgil dell’Azienda ospedaliera di Perugia, che insieme a tutta la Cgil dell’Umbria, dedicano a Claudio Zucchini, infermiere e sindacalista Cgil, scomparso oggi all’età di 63 anni per un tumore incurabile.

«Alla sua compagna di vita – è riportato in un breve dispaccio -, nonché collega Luciana, vanno le più sentite condoglianze. Claudio ha lottato tutta la vita per rendere l’ospedale un posto accogliente per tutti. Non ricordiamo una sola volta in cui si sia tirato indietro dall’assumersi un impegno verso i cittadini. Amava la vita, era assetato di giustizia, di uguaglianza e di democrazia. Valori che ha sempre tenuto al centro della sua attività sindacale nella Cgil».

La morte di Claudio lascia un vuoto enorme nella vita di tutto noi – conclude la Cgil – Siamo senza parole e ci sentiamo più soli, ma al tempo stesso siamo più determinati che mai a portare avanti il progetto di società e di ospedale di comunità per il quale Claudio si è sempre battuto”.

Il ricordo e il cordoglio dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia

Alla Camera generale del lavoro fa eco l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. «Era – riporta il sito internet del nosocomio – coordinatore infermieristico apprezzato per le sue doti umane e professionali»

I colleghi

A volerlo ricordare, con testimonianze di grande impegno professionale e di umanità espressa negli anni ai pazienti dell’ospedale, sono ora i colleghi che hanno condiviso con lui attività di coordinamento assistenziale realizzate prima al Policlinico di Monteluce e poi al Santa Maria della Misericordia

«Zucchini – prosegue la nota – ha avuto anche il merito di aver sempre operato nella stessa struttura complessa di Ortopedia e Traumatologia, seguendo da vicino i percorsi assistenziali in continua evoluzione»

Il suo incarico

Attualmente ricopriva l’incarico di organizzazione Sitro della piastra dei servizi ambulatoriali e continuava ad occuparsi anche del coordinamento delle attività assistenziali del Pronto Soccorso Ortopedico.

«I colleghi del SITRO, medici e personale infermieristico – conclude il Santa Maria della Misericordia di Perugia -, lo ricordano a quanti hanno avuto la possibilità di conoscere e apprezzare il suo tratto discreto ed elegante nel rapportarsi con l’utente-paziente assistito».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*