Caso Dentix, Federconsumatori va in Procura e difende i pazienti

 
Chiama o scrivi in redazione


Caso Dentix, Federconsumatori va in Procura e difende i pazienti

Sono centinaia i pazienti coinvolti nella chiusura di Dentix Italia. La catena odontoiatrica fa capo alla Dentix Spagna, che ha fatto richiesta in tribunale di istanza pre-fallimentare. È presente in Italia con 57 ambulatori, concentrati in 12 regioni e, da giorni, gli operatori non rispondono più ai pazienti e le cliniche sembrano aver cessato, di fatto, l’attività.

Federconsumatori di Perugia difende i pazienti che sono rimasti con gli interventi a metà con i finanziamenti accessi dopo la chiusura delle sedi non riaperte causa lockdown. I pazienti per affrontare le cure odontoiatriche necessarie hanno fatto un finanziamento. Dentix ha incassato subito l’intero ammontare della parcella e il consumatore si sta facendo carico degli interessi da riconoscere alla finanziaria.

Segnalazione all’antitrust poi l’esposto in Procura. E’ quanto scrive oggi il Messaggero dell’Umbria, in un articolo a firma di Luca Benedetti. «Noi – dice il presidente di Federconsumatori Alessandro Petruzzi – ne tuteliamo un centinaio. Il passo dell’esposto in Procura diventa obbligato».

Con le sedi Dentix chiuse si apre un altro fronte. «Molti associati – racconta Petruzzi al Messaggero – riferiscono di essere stati direttamente contattati telefonicamente dalle società finanziarie per trovare una soluzione per mantenere in essere il contratto di finanziamento».

C’è chi propone di far continuare le cure odontoiatriche da un dentista di fiducia della finanziaria, senza ulteriori spese e la proposta arriva con una telefonata. Federconsumatori ha inviato le diffide per rescindere i contratti.

Un’altra finanziaria ha inviato agli utenti un sms con cui comunicava la sospensione del pagamento delle rate fino a settembre e c’è chi ha ricevuto la comunicazione dell’accodamento della rata anche se non c’era stata la
richiesta.

Federconsumatori ha scritto a Regione e Asl per chiedere un intervento sanitario pubblico in favore dei pazienti beffati da Dentix. Ma nessuna risposta è giunta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*