Al via il 16 dicembre “Incontri e dialoghi a Santa Giuliana”

Organizzati dalla Scuola Lingue Estere dell'Esercito

Al via il 16 dicembre "Incontri e dialoghi a Santa Giuliana"

Al via il 16 dicembre “Incontri e dialoghi a Santa Giuliana”

Con il titolo “Incontri e dialoghi a Santa Giuliana” prenderanno il via dal 16 dicembre, per proseguire poi nel 2023, una serie di appuntamenti organizzati dalla Scuola Lingue Estere dell’Esercito nella sua sede di Perugia, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Perugia. E proprio nel Complesso monumentale di Santa Giuliana, questa mattina durante una conferenza stampa nell’aula Magna della scuola, sono stati annunciati i primi ospiti (rappresentanti del mondo delle istituzioni, della cultura, dell’imprenditoria, del volontariato e dello sport) e gli obiettivi: far riscoprire alla città dopo la pandemia la propria struttura, una sede storica con radici che partono dal XIII secolo, e le sue attività.

La scuola riapre le sue attività per reinserirsi nel panorama

“La scuola riapre le sue attività per reinserirsi nel panorama delle attività culturali della città di Perugia, come tradizionalmente ha sempre fatto” ha commentato il suo comandante, il generale di brigata Emiliano Vigorita, per poi aggiungere: “All’interno del Complesso si fa addestramento linguistico di personale italiano e straniero, attività mai interrotta durante la pandemia, ma volevamo ora quindi riprendere l’interazione con la città, che in questi due anni si era interrotta, con iniziative culturali di vario tipo”.



La scelta, ha sottolineato ancora il generale, “è ricaduta sulla formula degli incontri con personalità di varia estrazione, dal mondo delle istituzioni, del volontariato e della società civile, dando anche modo alla cittadinanza di fruire di questo luogo e monumento storico”. Già lunga la lista degli ospiti che hanno aderito all’invito.

Ad aprire sarà l’artista Franco Venanti (16 dicembre, ore 17) e a seguire nel 2023 sono attesi per il momento: Raffaele Cantone (procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Perugia), Fausto Cardella (presidente della Fondazione ‘Umbria contro l’usura’), Paolo Scura (presidente della Croce Rossa Italiana Umbria), il cardinale Gualtiero Bassetti, il vescovo della diocesi Perugia-Città della Pieve Ivan Maffeis, Maria Angela Turchetti (direttrice del Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria) e gli imprenditori Gino Sirci, Nicoletta Spagnoli e Marco Caprai.

Del Complesso monumentale di Santa Giuliana come parte importante del patrimonio culturale della città di Perugia ha parlato anche l’assessore alla cultura del Comune di Perugia: “La centralità di questo luogo – ha affermato Leonardo Varasano – è sia come monumento storico sia come centro di alta formazione. Un punto di riferimento culturale che ora con questo programma si apre ulteriormente alla città con incontri densi grazie a personalità di alto profilo“. Il 2023 – è stato infine ricordato dal generale Vigorita – sarà anche l’anno di un importante anniversario, quello dei 30 anni della sede perugina della Scuola Lingue Estere dell’Esercito. La Scuola è stata infatti costituita a Roma nel 1963 per poi trasferirsi nel 1993 a Perugia nel complesso di Santa Giuliana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*