Un perugino di 65 anni muore sui Monti Sibillini dopo un volo di 60 metri

Accende stufa, donna ustionata da ritorno di fiamma, è grave

Un uomo di 65 anni muore sui Monti Sibillini dopo un volo di 60 metri. Un escursionista di 65 anni di Deruta è morto dopo il volo da una rupe. E’ accaduto oggi intorno alle 13, sui Monti Sibillini.

L’uomo, secondo quanto ricostruito da Il Resto del Carlino, era partito in compagnia di un amico per un’escursione al lago di Pilato, quando, per cause ancora in corso di accertamento, è precipitato nel vuoto. Ignote restano le cause che hanno fatto precipitare l’escursionista giù dalla montagna.

Sul posto l’eliambulanza del 118, che ha trasportato l’uomo all’ospedale di Camerino. Per il 65enne purtroppo non c’è stato nulla da fare. L’impatto col suolo è stato tale da provocare all’uomo un trauma cranico multiplo che lo ha portato rapidamente al decesso.

Il compagno, un escursionista R.S. di 60 anni, in evidente stato di shock, è stato riaccompagnato sul valico di Forca di Presta.

Nello stesso tempo, su un altro sentiero, quello che conduce al Rifugio Ziglioli, una ragazza, F.M. di 27 anni di Chieti, è scivolata a causa della stanchezza, fortunatamente non riportando lesioni. La giovane è stata accompagnata dai tecnici del SASU fino all’auto.

Sul posto anche i tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico Lombardia (SASL), in supporto al presidio di Castelluccio.

Commenta per primo

Rispondi