Discarica Belladanza, “È stata la stessa Sogepu a chiedere ampliamento sito”

Mancini (lega) Inserire istruttori insegnanti scuole guida nel piano vaccinale

Discarica Belladanza, “È stata la stessa Sogepu a chiedere ampliamento sito”

Discarica di Belladanza, “È stata la stessa Sogepu a chiedere ampliamento del sito” – il Presidente della Seconda Commissione Valerio Mancini (Lega) e il Consigliere Manuela Puletti (Lega) rispondono a Bettarelli (PD)


Elena Sofia Bagliocco


“L’attacco del Consigliere Michele Bettarelli (PD) contro la Giunta Regionale riguardo l’ampliamento della Discarica di Bellandanza, è del tutto fuori luogo – esordiscono il Presidente della Seconda Commissione, Valerio Mancini (Lega) e il Consigliere Regionale della Lega Umbria, Manuela Puletti- è stata la stessa Sogepu, società partecipata del Comune di Città di Castello che gestisce i rifiuti dell’Alto Tevere, a manifestare già da tempo la necessità di ampliare il sito, tanto che i vertici della società avevano già chiesto alla Regione l’autorizzazione per l’ampliamento di 300 mila metri cubi.

Il collega Bettarelli, che è stato Vice Sindaco di Città di Castello fino al 2019, dovrebbe essere a conoscenza delle richieste avanzate da Sogepu – sottolineano i leghisti – pertanto lo invitiamo a uscire dall’enclave di Morra e a contribuire in maniera seria alla politica regionale senza sprecare tempo in polemiche sterili e attacchi privi di fondamento.

Dopo due anni di pandemia c’è la necessità di riscrivere un Piano dei Rifiuti che era già vecchio al tempo della precedente amministrazione regionale, dato che risale al 2009 – proseguono Mancini e Puletti – un doveroso ringraziamento va al Presidente di Auri, Antonino Ruggiano, e al Direttore di Auri, Giuseppe Rossi, per il contributo che stanno dando affinché la nostra regione possa avere quanto prima un Piano dei Rifiuti serio ed efficace. Quando il documento, a seguito dell’approvazione da parte della Giunta, arriverà in Seconda Commissione, – concludono – il gruppo della Lega saprà ascoltare e dare voce ai territori e ai portatori di interesse”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*