La Presidente, Giorgia Meloni, riceve la campanella e si commuove

La Presidente, Giorgia Meloni, riceve la campanella e si commuove

La Presidente, Giorgia Meloni, riceve la campanella e si commuove

La Presidente – Riceve la campanella dalle mani di Mario Draghi visibilmente commossa, gli occhi lucidissimi, la neo premier Giorgia Meloni. Sguardi di intesa e sorrisi tra i due, poi le strette di mano tra i rispettivi sottosegretari, Draghi, erroneamente, stringe la mano anche all’uomo della scorta della neo premier. Quando la cerimonia termina e il presidente del Consiglio uscente lascia la sala dei Galeoni, Meloni, chiamata a gran voce dai fotografi, alza gli indici per una foto ricordo.

Colloquio di un’ora e 20 Draghi-Meloni prima di scambio campanella 

E’ durato ben un’ora e venti minuti il colloquio tra il premier uscente Mario Draghi e il presidente del Consiglio Giorgia Meloni prima del tradizionale scambio della campanella. Un colloquio molto lungo rispetto al solito, teso ad affrontare la fase di transizione e i principali dossier sul tavolo che l’esecutivo uscente lascia al nuovo governo.

Mario Draghi se ne va

Governo: cambio di scarpe per la Meloni tra il picchetto e la campanella

Giorgia Meloni

Cambio di scarpe per Giorgia Meloni durante la sua prima giornata a palazzo Chigi. La premier si era presentata stamattina con un paio di classiche ma pesanti scarpe maschili, nere con le stringhe, per il passaggio in rassegna del picchetto d’onore nel cortile del palazzo del governo.

Dopo il lungo incontro con Mario Draghi, che in modo inedito l’aveva attesa in cima allo scalone d’onore interno di palazzo Chigi, durato circa un’ora, la premier si è presentata nel salone dei Galeoni per la cerimonia della campanella con un paio di comode decolletè con tacco basso, decisamente più femminili.

 

1 Commento

  1. Un momento di grande significato per il nostro Paese che verrà riportato su tutti i libri di storia. La prima donna Premier e per di più ua donna giovane, piena di energia, di grandi capacità, una politica di notevole livello che è nata e cresciuta alla Garbatella, non ai Parioli. Una donna che ha potuto usare l’ascensore sociale grazie alle proprie capacità e quindi non è ricattabile.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*