Jazz in August, approvato il piano di protezione civile

 
Chiama o scrivi in redazione


Jazz in August, approvato il piano di protezione civile

E’ stato approvato questo pomeriggio dalla giunta, su proposta dell’assessore Luca Merli, il piano comunale di protezione civile in occasione dell’edizione, in programma dal 7 al 10 agosto, di Umbria Jazz.

Il piano si è reso necessario al fine di garantire un efficace funzionamento del sistema operativo, in grado di assicurare adeguati livelli di prevenzione in ordine a possibili rischi per la sicurezza di quanti parteciperanno agli eventi e di garantire, nel contempo, un adeguato distanziamento sociale connesso alla prevenzione da diffusione del Covid-19.

Proprio quest’ultima circostanza, in particolare, ha richiesto l’incremento delle misure di gestione nelle pubbliche manifestazioni a salvaguardia dell’incolumità delle persone.
Il piano prevede che il Comune di Perugia si occupi della gestione complessiva del controllo della viabilità, dell’accesso e del deflusso del pubblico con contestuale attivazione della propria struttura di Protezione Civile, coinvolgendo le organizzazioni regionali di volontariato.

Per l’occasione verrà garantita l’azione di supporto alla Polizia Locale, coordinando, in sinergia con questa e con gli altri soggetti competenti, i gruppi di volontariato aderenti alla Consulta Regionale di Volontariato di Protezione Civile.

Per tutto l’arco della manifestazione presso Palazzo dei Priori verrà istituita la sala operativa della Protezione Civile Comunale, attiva con questi orari:
– 07 agosto: dalle ore 19:00 alle 01:00 del giorno seguente.
– 08/10 agosto: dalle ore 18:00 alle ore 24:00

Tutti gli spettacoli – si legge nel piano – verranno effettuati nell’area di Piazza IV Novembre – inizio Corso Vannucci. Tali spazi, dal 7 al 10 agosto saranno accessibili esclusivamente al pubblico pedonale e saranno delimitati e presidiati con le modalità previste dal Piano di sicurezza redatto dall’organizzazione; il piano tiene conto anche delle norme di prevenzione da Covid-19. L’interno dell’area di spettacolo, opportunamente transennata, è presidiata dal personale dell’organizzazione sia sotto il profilo della sicurezza e sia sotto il profilo sanitario.
Nello spazio esterno a quello di spettacolo, ma comunque compreso tra Corso Vannucci, Piazza della Repubblica, fino a Piazza Danti, l’afflusso di persone è limitato ad un massimo di 1627 persone, come di seguito ripartite, il cui monitoraggio numerico è affidato al personale della sicurezza dell’organizzazione: Piazza IV Novembre: 300 persone • Corso Vannucci: 786 persone • Piazza della Repubblica: 201 persone • Via Mazzini: 165 persone • Via Fani: 175 persone.

In caso di riscontrato superamento dei limiti di afflusso all’area suddetta è prevista la chiusura dei varchi che portano a Corso Vannucci da Via Baglioni-Piazza Matteotti, da Piazza Danti, Piazza Cavallotti e dalle vie minori di accesso al Corso.

I varchi di accesso-uscita all’area saranno:

1.Corso Vannucci da Piazza Italia – Ingresso
2. Via Bonazzi – Uscita
3. Via delle Streghe – Uscita
4. Via della Luna – Uscita
5. Via Scura – Uscita
6. Via Boncambi – Uscita
7. Via dei Priori – Ingresso
8. Via Maestà delle Volte – Uscita
9. Piazza Danti– Uscita 10.
Via Calderini – Uscita
10 bis – Via del Forno – Uscita
11. Via Fani – Ingresso
12. Via Mazzini – Uscita
13. Via Danzetta – Uscita
14. Via dello Struzzo – Uscita
15. Via Baldo – Uscita
16. Via del Forte – Uscita.

Di fondamentale importanza riveste inoltre il controllo della stazione del Minimetro al Pincetto con varco in entrata e uscita da via della Rupe: le persone in arrivo per il concerto, con biglietto, andranno indirizzate verso l’ingresso di via Fani (varco n. 11) attraverso via Oberdan – piazza Matteotti. Le persone senza biglietto andranno invece indirizzate verso l’ingresso di Corso Vannucci da Piazza Italia (varco n. 1), attraverso via Baglioni utilizzando una delle vie di accesso da via Oberdan, rappresentate da: via Favorita, via Santa Lucia o Piazza Matteotti.

Tutte le sere l’orario di chiusura dell’impianto verrà esteso, da parte della Società, fino alle ore 02:00 del mattino seguente. Ultima corsa alle ore 01:45.

Le scale mobili seguiranno lo stesso orario con chiusura alle ore 2.

Le attività previste in sostanza sono:

  1. supporto alle forze di Polizia Locale in corrispondenza dei punti individuati a servizio della manifestazione e ai punti strategicamente più critici;
  2. azioni di monitoraggio nell’ambito dell’area interessata dalla manifestazione e comunicazione delle informazioni alla Centrale Operativa Comunale (C.O.C.);
  3. controllo dei flussi pedonali alla stazione del Minimetrò Pincetto in particolare per la fase di deflusso.

“L’Amministrazione comunale – evidenzia l’assessore con delega alla protezione civile Luca Merli – ha fortemente voluto, in accordo con la fondazione Umbria Jazz, che si celebrasse un’edizione, per quanto ridotta rispetto al consueto, della manifestazione, da sempre appuntamento centrale dell’estate perugina. Crediamo, infatti, che dopo un lungo periodo di quarantena forzata, Umbria Jazz in August possa rappresentare un segnale di ripartenza, in direzione del progressivo ritorno alla normalità. In relazione, tuttavia, alle regole imposte dall’emergenza sanitaria da covid-19, è stato necessario redigere uno specifico piano di protezione civile che ci consentirà di mettere in campo tutte le azioni necessarie affinché la manifestazione si svolga in sicurezza garantendo l’opportuno distanziamento sociale. Mi sia consentito anche in questa circostanza ringraziare il corpo di polizia locale, gli uffici comunali, i gruppi di protezione civile, i volontari, le forze dell’ordine ed in generale tutti coloro che, grazie al profondo impegno, permetteranno l’ordinato svolgimento della manifestazione, dando seguito ad un’incessante attività posta in essere nel difficile periodo del lockdown”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*