Sequestro Norcia, Anm, rispetto per pm, stop polemiche

Fuorviante la previsione formulata circa l'esito dell'inchiesta che dovrebbe necessariamente tradursi in un "nulla di fatto"

 
Chiama o scrivi in redazione


A.G. Cannevale Procuratore capo Spoleto (foto U24)

Sequestro Norcia, Anm, rispetto per pm, stop polemiche

“C’ è stato un intervento della magistratura, è giusto rispettarlo, senza alimentare polemiche inutili. Nessuno ha altro fine se non verificare se la legge è stata rispettata”. Il presidente dell’ Anm Eugenio Albamonte, difende i magistrati di Spoleto ed esprime la sua “preoccupazione” per i toni “drammatici” di politica e informazione.”Pensare che in presenza di uno stato di calamità possa venir meno il controllo di legalità vuol dire far spazio a quegli scandali della ricostruzione che il Paese ha vissuto in passato”.

E su questo arriva anche la dichiarazione della sezione umbra

La sezione Umbra dell’Associazione Nazionale Magistrati riconoscendo il diritto di critica delle decisioni assunte dalla magistratura esprime sconcerto e preoccupazione per il tono drammatico e veemente con cui alcuni organi di stampa si sono espressi in riferimento al disposto sequestro preventivo del centro polivalente di Norcia, noto come Padiglione delle Esposizioni.

Ritiene del tutto inopportune le affermazioni secondo cui i magistrati che hanno adottato il provvedimento dovrebbero accollarsi le conseguenze di un eventuale ed ulteriore evento calamitoso e dovrebbero rispondere di eventuali danni alla reputazione di coloro che hanno contribuito con le loro donazioni alla realizzazione della struttura.

Reputa altresì fuorviante la previsione formulata circa l’esito dell’inchiesta che dovrebbe necessariamente tradursi in un “nulla di fatto”. La sezione evidenzia infine che le critiche all’operato dei magistrati spoletini sono state esplicitate senza dar conto delle motivazioni del provvedimento e sulla scorta di una lettura unilaterale della vicenda affidata a coloro che nella stessa risultano direttamente coinvolti.

Merita d’essere precisato che le indagini in corso non riguardano in alcun modo le modalità di impiego delle donazioni dei sottoscrittori né pregiudicano l’assistenza e il ricovero delle popolazioni terremotate cui la giunta ribadisce la propria vicinanza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*