Laboratorio Diagnostica di Spoleto è una risorsa irrinunciabile per l’Umbria

Maria Elisabetta Mascio

Laboratorio Diagnostica di Spoleto è una risorsa irrinunciabile per l’Umbria

Laboratorio Diagnostica di Spoleto è una risorsa irrinunciabile per l’Umbria

Il Laboratorio di Diagnostica di Spoleto è una risorsa irrinunciabile per l’Umbria, ma a causa dell’inefficienza della vecchia Giunta, da mesi non è più operativo. Ieri, insieme all’assessore Paola Agabiti abbiamo istituito un tavolo di confronto per trovare in tempi brevi una soluzione che possa consentire al Laboratorio di Diagnostica di riprendere le attività, dando così seguito alle tante richieste di collaborazione che arrivano da tutta Italia.”.

È quanto dichiara il consigliere regionale della Lega, Valerio Mancini.

IN SINTESI
Il consigliere regionale della Lega, Valerio Mancini, rende noto che ieri c’è stata “la prima riunione del tavolo di confronto sul Laboratorio di Diagnostica di Spoleto. Per Mancini “l’obiettivo del tavolo, istituito insieme all’assessore Agabiti, è trovare in tempi brevi una soluzione per far tornare il Laboratorio ad essere operativo”.

Al tavolo – spiega Mancini -, che si è riunito nell’assessorato ai beni e attività culturali, hanno preso parte, oltre ai dirigenti della Regione, Pierre Marie Gruet, presidente del Laboratorio, con le due dipendenti, il direttore generale di Arpa, Luca Proietti e Franco Cotana dell’Università degli Studi di Perugia. Da sempre mi sono interessato alla vicenda e nel corso della passata legislatura, ho più volte portato il caso all’attenzione della Giunta, che ha mostrato totale disinteresse, fino ad arrivare alla chiusura del laboratorio. Tra una settimana – conclude Mancini – avremo un nuovo incontro: siamo già al lavoro e quanto prima capiremo quale sia la strada migliore per far tornare a vivere questa eccellenza umbra”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*