Rimpasto Giunta Latini, così il Partito Democratico di Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Bori e Paparelli (PD) sulla situazione del gruppo Acque minerali d'Italia. "Tutelare lavoratori, la Regione ci metta la faccia"

Rimpasto Giunta Latini, così il Partito Democratico di Terni

“La situazione di palese ingovernabilità che va avanti da quando l’attuale Giunta si è insediata, ha ormai raggiunto livelli grotteschi, tra la ricerca di strapuntini, seggiole e predellini, con un sindaco debolissimo,  ostaggio di sgambetti interni sia dai suoi alleati che dai suoi stessi compagni di partito, in un clima che alimenta chiacchiere e pettegolezzi da cui la comunità ternana, ma la stessa istituzione vanno tutelate.
Sindaco che ormai ha preso la strada dell’abbandono delle esperienze civiche, sociali e culturali verso una completa accondiscendenza ai desiderata dei partiti. La campagna elettorale che ha portato a governare questa maggioranza si è fondata su aspre critiche alla precedente amministrazione, sul tema delle indagini in corso – finite in assoluzioni – del decoro urbano e della sicurezza.

LEGGI ANCHE – Frecciarossa a Orte, Pd Terni, Verini, ok, si cerchino soluzioni per la città

Dopo tre anni in cui tutto questo è stato ampiamente disatteso, dopo aver assistito a sfilate e tagli di nastri di progetti finanziati da precedenti eredità, è ora che il Sindaco faccia chiarezza, che spieghi in Consiglio comunale cosa sta succedendo, come mai l’assessore Bordoni ha preferito lasciare, soprattutto deleghe così calde, e le motivazioni di questo ennesimo rimpasto che si appresta a fare.
E decida, dato che la boa di metà mandato è più che superata, quali sono i programmi per la città, quali i programmi di rilancio e sviluppo economico, siderurgico, chimico, quali per l’università e la ricerca, o faccia un passo indietro e ridia ai cittadini la parola, perché sia chiaro che Terni è dei ternani e non può ridursi a oggetto di guerra tra bande, più meno autoctone”. Così, in una nota, il Pd Terni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*