Farmacie comunali di Terni, intervista al presidente Mauro Scarpellini

 
Chiama o scrivi in redazione


Farmacie comunali di Terni, intervista al presidente Mauro Scarpellini

Farmacie comunali di Terni, intervista al presidente Mauro Scarpellini

da Rosario Raffaele Longo
L’Amministratore Unico delle farmacie comunali di Terni, Mauro Scarpellini, ha presentato oggi al Sindaco di Terni Leonardo Latini e all’Assessore alle partecipate e al bilancio Orlando Masselli il rendiconto sull’andamento gestionale del primo semestre 2020.

D. Contento o scontento dei risultati?

R. Sono felice di esporre dati positivi che sottolineano l’impegno della Direzione e del personale nel conseguire un risultato superiore a quello del primo semestre del 2019.

D. Risultati positivi in un periodo difficile, quindi.

Ho attuato gli indirizzi del piano industriale 2020-2022 che fu portato all’approvazione del Consiglio comunale di Terni dal precedente Amministratore Unico Dottor Federico Ricci che propose la ricapitalizzazione della Società e un programma di lavoro impegnativo. E’ un piano dettagliato, non un insieme di parole ma di azioni da realizzare.

D. Ma il periodo di pandemia non ha disturbato i lavori e le previsioni?

Si, e molto. La pandemia ha disturbato ogni programmazione e ogni previsione a tutte le aziende italiane ma noi le abbiamo affrontate con elasticità e rapidità dalla metà di marzo. Il piano industriale ci ha aiutato per le innovazioni che contiene, per esempio sui criteri di gestire l’organico societario. La modernizzazione apportata su questo punto è un valore per l’elasticità della gestione, pronta ad affrontare le novità e gli imprevisti.

D. Venga ai numeri. Come è andato il primo semestre del 2020 nei numeri?

A fronte di 15.756 acquirenti in meno, poiché i cittadini erano bloccati in casa, le strategie commerciali attuate prima e dopo il periodo di pandemia hanno, tuttavia, fatto realizzare un aumento del fatturato di circa il 2%. Il suo aumento fino a metà marzo segnava incrementi superiori al 13% mensile ma l’isolamento dei cittadini non ha consentito di mantenere quel livello di crescita.

C’è ancora di meglio sui dati semestrali ed è il margine di contribuzione lordo, che è, per uscire dai tecnicismi, la percentuale che segna i risultati della gestione commerciale in termini di margine. Qui l’aumento rispetto al 2019 è fantastico, arriva al + 5,21 % rispetto al primo semestre 2019 e cresce rispetto anche al primo semestre 2018.

Le voci di costo fisso sono sotto controllo. Quella più rilevante è quella del personale, già scesa di 105.374 tra il primo semestre 2019 e il primo semestre 2018 durante la gestione del Dottor Ricci; ora è ulteriormente scesa di 106.791 sul primo semestre 2019.

D. Lei lascia l’incarico?

Sono in scadenza ma in tempo delibererò un qualificato aggiornamento del sistema informatico aziendale il cui progetto è pronto e un programma innovativo di marketing basato su intelligenti interazioni delle analisi psicografiche e comportamentali. Le farmacie comunali di Terni hanno vinto la sfida, danno sicurezza ai cittadini e sono un valido servizio pubblico. La Città ha interesse a conservarsele e vederle proseguire nella crescita e nel miglioramento della loro funzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*