Calcio: Lega Pro, la Ternana torna in Serie B dopo tre anni 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Calcio: Lega Pro, la Ternana torna in Serie B dopo tre anni
Il gol di Falletti - foto Mirimao (ternanacalcio.com)

Calcio: Lega Pro, la Ternana torna in Serie B dopo tre anni

La Ternana torna meritatamente in Serie B: una super stagione per gli umbri allenati da Cristiano Lucarelli, che hanno dominato il Girone C di Lega Pro. Ternana che stacca il pass per la Serie B proprio nello scontro diretto con l’Avellino, diventato nelle ultime settimane l’antagonista principale, ma che dopo il 4-1 del Liberati si trova a 18 punti di distanza. In testa dall’inizio alla fine le ‘Fere’ hanno regalato una gioia che i tifosi aspettavano da tre anni. Gran parte del merito va al patron Stefano Bandecchi, che nel 2018 ha risollevato la squadra dopo la retrocessione.

© Protetto da Copyright DMCA

La squadra di Cristiano Lucarelli che si porta così a 81 punti, 18 in più degli avversari, a quattro giornate dalla fine del proprio campionato (i rossoverdi devono recuperare ancora una partita). Con gli 81 punti raggiunti in classifica, la Ternana ha stabilito il record per un campionato di serie C a 19 squadre. Sono state 25 le partite vinte su 32 disputate, una sola sconfitta, 80 i gol segnati (miglior attacco della C), solo 24 quelli subiti.

Abbiamo lavorato sul “costruire una mentalità, che secondo me dopo le ultime annate era necessaria. Oggi è stata l’ennesima prova di questa mentalità”. Lo ha detto ai giornalisti l’allenatore della Ternana, Cristiano Lucarelli, dopo la partita di oggi in casa con l’Avellino che ha portato la squadra in serie B. “Qualunque altra squadra – ha
osservato – si sarebbe accontentata di un pareggio, la Ternana anche oggi nell’ultimo sforzo è andata a cercare la vittoria, come sa fare, come è abituata a fare e questa secondo me è la risposta più importante. Poi di conseguenza viene tutto il resto. Però quando riesci a costruire questa mentalità e i ragazzi ti seguono e la fanno loro è la vittoria più bella probabilmente per un allenatore”. Una vittoria che “vogliamo dedicare naturalmente ai nostri tifosi – ha continuato Lucarelli – volevamo che fossero qui con noi a festeggiarla perché forse loro più di tutti ne hanno diritto”.

Ternana (4-2-3-1): Iannarilli; Defendi (Cap., 11′ st Suagher), Boben, Kontek (16′ st Laverone), Celli (28′ st Russo); Paghera (28′ st Damian), Proietti, Partipilo, Falletti (11′ st Salzano), Furlan; Ferrante. A disp.: Casadei, Mammarella, Vantaggiato, Torromino, Raičević, Peralta, Frascatore. All.: Cristiano Lucarelli

Avellino (3-4-1-2): Forte; Ciancio, Miceli (Cap., 10′ st Adamo), Illanes; Rizzo (28′ st Silvestri M.), Aloi, Silvestri L., Tito (28′ st Baraye); Fella (10′ st Adamo); Maniero, Santaniello (19′ st Bernardotto). A disp.: Pane, Capone, D’Angelo, Laezza. All.: Piero Braglia

Arbitro: Andrea Colombo (Como)

Assistenti: Alessandro Maninetti (Lovere), Maicol Ferrari (Rovereto)

IV Ufficiale: Mattia Caldera (Como)

Marcatori: 1′ pt Falletti (T.), 18′ pt Paghera (A.), 23′ pt Furlan (A.), 21′ st Partipilo (T.), 42′ st Dossena (A.)

Ammoniti: Ciancio e Illanes (A.), Falletti, Defendi e Kontek (T.)

Recuperi: 0/3

Caroselli e gente strada, nel pomeriggio a Terni, per festeggiare la promozione in serie B. Nonostante gli inviti della vigilia da parte delle autorità a festeggiare in casa, in virtù della zona rossa, tante le persone di tutte le età che dopo la fine della partita sono scese per le vie del centro della città con maglie e bandiere rossoverdi.
Le strade si sono riempite di auto che hanno fatto risuonare i clacson, tra i cori della gente. Le forze dell’ordine presidiano l’area intorno allo stadio, nella quale la circolazione fino a “cessate esigenze” è limitata con ogni mezzo.

Sulla promozione in serie B conquistata oggi sul campo dalla Ternana, una dichiarazione del sindaco Leonardo Latini: “Ho iniziato ad amministrare la città nel giugno del 2018 in un anno che, per certi versi, fu piuttosto fallimentare per Terni. Prima il dissesto finanziario del Comune dichiarato a marzo, poi la retrocessione della Ternana in serie C. Stiamo ancora pagando il prezzo di quel fallimento economico, ma lentamente ne stiamo venendo fuori grazie all’impegno e ai sacrifici di tutti. Oggi poi festeggiamo insieme, nonostante il distanziamento, il ritorno della Ternana in serie B. È qualcosa più di un evento sportivo: è un segnale di rinascimento, di ripartenza, è il coronamento di un sogno concretizzato ben prima del termine di una stagione agonistica da favola, in un contesto purtroppo assolutamente fuori dalla normalità, senza il pubblico sugli spalti del Liberati. La Ternana però, grazie ad un’idea geniale del presidente Bandecchi è entrata ogni settimana nelle nostre case attraverso la TV e ci ha consentito di vivere emozioni fortissime aiutandoci a superare questo periodo terribile, dandoci forza, slancio e orgoglio. Stefano Bandecchi non è ternano ma sta abituandosi ad esserlo. Da parte nostra ce la metteremo tutta per farlo sentire sempre di più parte di questa comunità. A tutti i ragazzi e ai componenti della squadra non posso che inviare i miei ringraziamenti per averci regalato il sorriso in un periodo così difficile, con l’augurio che si sentano Fere per tutta la vita”.

“Esprimo la mia più viva soddisfazione per il risultato della Ternana calcio: aver raggiunto la promozione in serie B è indice di grande capacità tecnica della squadra guidata magistralmente da Cristiano Lucarelli”. Lo ha detto l’assessore allo sport della Regione Umbria, Paola Agabiti al termine della partita contro l’Avellino.

“La partita di oggi conclude, in attesa della fine del campionato, un lungo cammino sportivo che ha visto la società Ternana Calcio, con il suo presidente Stefano Bandecchi, programmare con competenza e abilità un percorso che riporta la squadra e la città di Terni ai più alti livelli del calcio italiano. Un risultato di cui l’intera Umbria è orgogliosa – ha sottolineato l’assessore, peraltro raggiunto in un periodo così difficile per lo sport e per la comunità regionale a causa della pandemia”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*