Battuta d’arresto della Sir in casa contro Trento 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Settima di ritorno per la Sir Safey domani impegnata a Ravenna

Battuta d’arresto della Sir in casa contro Trento

di Alessandra Valentini
Una partita da mandar giù come una mela avvelenata quella di stasera tra la Sir che è scesa in campo senza capitan Atanasijevic e Russo, che si è concessa qualche errore di troppo in mezzo alle grandi azioni a cui siamo abituati, contro Trento agguerrito con una grande voglia di vincere che sta giocando bene. Il primo set con una partenza difficile per la Sir che resta inizialmente qualche punto dietro a Trento forte e preciso.

© Protetto da Copyright DMCA

Nella seconda metà del set, i Block Devils tirano fuori le unghie e iniziano a reagire, riuscendo ad agganciare il Trento sul pareggio del 20-20 ma i gialloblù riprendono il vantaggio e vincono il primo set per 20-25. Diverso discorso del secondo set che avanza con le squadre alla pari conquistando punto a punto, e trascinandosi in questo modo fino alla fine con la vittoria della Sir per 25-23.

Il terzo set inizia bene per i padroni di casa, tallonati dal Trento che cerca di non stare indietro ma la Sir ha un buon ritmo di gara e riesce a tenere le distanze fino al pareggio sul 15-15 e il sorpasso del Trento che acquista vantaggio. La Sir cerca di recuperare ma il Trento non concede più spazio e si aggiudica il terzo set per 19-25. Il decisivo quarto set che come solito tra due grandi squadre comincia punto a punto, inizia con il vantaggio del Trento che, nonostante le azioni della Sir in cerca ogni opportunità per recuperare, mantiene il distacco.

I padroni di casa riescono ad accorciare le distanze ma il Trento vince questo set per 21-25 e si aggiudica l’incontro per 3-1 contro la Sir. Serata da dimenticare per il Perugia che però resta in vetta alla classifica con 43 punti ma che contro il Trento ha peccato di alti e bassi e cali di concentrazione.

Grande ritorno al Palabarton di Marko Podrascanin che torna per la prima volta dopo l’uscita dalla Sir ma anche se in veste di avversario abbraccia il grande amico Aleksandra Atanasijevic e ai nostri microfoni, parla della sua nuova squadra, un Trento che secondo lui ha tutte le caratteristiche per essere annoverata tra le più forti al pari della Sir e della Lube. E’ un rientro emozionato al palazzetto il suo, data la sua partenza in sordina a primavera da Perugia in pieno lock down senza poter salutare i tifosi perugini ai quali resta molto affezionato.



LE PAROLE DI VITAL HEYNEN DOPO LA SCONFITTA CON TRENTO
“L’anno non è cominciato certamente bene per noi. Già il primo giorno dell’anno con il problema fisico accusato da Atanasjevic. Abbiamo dovuto cercare di nuovo in poco tempo un’altra soluzione contro Trento, la squadra che oggi gioca la miglior pallavolo in Italia. Loro hanno dimostrato ieri tutta la bontà della loro battuta, noi, con ricezione staccata, abbiamo avuto problemi e non siamo riusciti a trovare soluzioni. Ha funzionato qualcosa nel secondo set ed all’inizio del terzo, forse in quel frangente abbiamo perso il momento giusto, ma poi loro hanno giocato meglio di noi. Detto questo, io difendo sempre i miei giocatori. Dover cambiare il nostro sistema di gioco l’ultimo giorno non è mai una cosa buona e certamente questa situazione non ha giocato a nostro favore. Adesso spero soprattutto di ritrovare tutti i giocatori. Dopo il Covid abbiamo sempre avuto qualche problema fisico, non ricordo un giorno dove ho avuto a disposizione quattordici giocatori in allenamento, anche ieri ci mancavano due atleti (Atanasijevic e Russo, ndr) e chiaramente non abbiamo tante soluzioni e cambi a disposizione. La salute dei giocatori è fondamentale per poter lavorare bene in palestra e quindi spero a breve di poter avere la rosa al completo”. Così il tecnico della Sir safety Conad Perugia Vutal Heynen dopo la sconfitta di ieri sera dei Block Devils per mano dell’Itas Trentino corsara al PalaBarton in quattro set. Una sconfitta arrivata al termine di una prova a corrente alternata dei bianconeri con la grande qualità dell’avversario, unita ad una giornata opaca dei ragazzi del presidente Sirci e ad alcune assenze in organico, che hanno fatto la differenza. Per Perugia oggi giorno di riposo e di recupero fisico e mentale. Da domattina si torna al PalaBarton per verificare la condizione fisica della squadra (in particolare di Atanasijevic e Russo) e per cominciare la preparazione al prossimo incontro, la trasferta di domenica a Ravenna.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*