Il Perugia pareggia 1 a 1 contro il Pescara nell’anticipo da play off

Il Perugia pareggia contro il Pescara nell'anticipo dei play off

Il Perugia pareggia 1 a 1 contro il Pescara nell’anticipo da play off

di Carmine D’Argenio
La 33′ Giornata di B si apre con l’anticipo da play-off Pescara-Perugia. All’Adriatico Cornacchia, i delfini ritornano al 4-3-3, per fare risultato e corroborare i propri 48 punti per rinsaldarsi in griglia spareggi. Il Perugia, più in la’ di quattro punti, resta intatta l’ultima proposizione difensiva. Per ristabilire davanti Carraro in cabina di regia, i giovani terribili Dragomir e quello che risulterà un impalpabile Kingsley. Rientri importanti anche in avanti, con Vido al fianco di Sadiq.

Intoccabile ed osservato speciale da compagni ed avversari, Verre. Primi 10′ che se ne vanno tra indicazioni di studio dalla panchina.

Con all’8′ un fuorigioco di Sadiq, che fa alzare Pillon nella sua area tecnica. Ma l’ex Scognamiglio comanda bene la difesa. Ed i timidi tentativi verticalizzanti il giovane attaccante nigeriano del Perugia, neutralizzati sull’abbrivio. Dopo una prima presa a tergo di Gabriel, tre corner ospiti a brevissima distanza. Anticipano al 28′ la perla di Memushaj: punizione raccolta da mestierante da Sottil.

Gyomber meno irruento del solito, ma quanto basta per ‘ingannare’ Rapuano. Batte Marras ma a realizzare su ribattuta e’ l’esperto centrocampista bianco azzurro. Inchiodato in porta Gabriel. Troppo potente e preciso il blitz dalla lunga, quando sembrava che la barriera avesse dissipato il pericolo piazzato su mattonella favorevolissima. Il Perugia ripone la reazione al rientro negli spogliatoi. Nonostante marchi sterilmente il territorio con il quarto tracciante dalla bandierina.

Secondo tempo con qualche incursione senza veri tiri, ma con brivido Perugia al 67′. Ciofani a salvare sulla linea di porta su Sbarbi. Al 70′ l’emozione si trasforma in pareggio. Falzerano crossa sul breve in area.

Vido ci mette la prolunga di testa. Ed è 1 a 1. All’80’ ci riprova Vido di destro stavolta murato. Dall’82’ biancorossi in dieci per la somma di ammonizioni a Sgarbi. Si chiude con Verre fuori ed El Yamiq dentro a supplire la deficienza numerica. Con questa mossa si portano fino in fondo in parità i dividendi della posta in palio.


Il tabellino di Pescara – Perugia

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Ciofani M. (dal 43′ st Balzano), Perrotta,
Scognamiglio, Del Grosso; Memushaj, Brugman (dal 33′ st Crecco), Bruno;
Marras, Mancuso, Sottil (dal 39′ st Bellini). A disposizione: Kastrati,
Capone, Elizalde, Pinto, Bettella, Farelli, Antonucci, Kanoutè,
Camilleri. Allenatore: Pillon.

Perugia (4-3-1-2): Gabriel; Rosi, Gyomber, Sgarbi, Mazzocchi; Kingsley
Michael (dal 9′ st Falzerano), Carraro (dal 1′ st Bianco), Dragomir;
Verre (dal 38′ st El Yamiq); Sadiq, Vido. A disposizione: Bizzarri,
Perilli, Melchiorri, Bordin, Cremonesi, Moscati, Falasco, Han, Kouan.
Allenatore: Nesta

Reti: al 29′ pt Memushaj, al 25′ st Vido

Ammonizioni: Sgarbi, Perrotta, Bruno, Scognamiglio, Sottil

Espulso al 37′ st Sgarbi per doppio giallo

Recupero: nessuno nel primo tempo, 3 minuti nella ripresa

Nesta: “Ogni volta che siamo andati sotto non abbiamo mai vinto.
Stavolta ho avuto la sensazione che avremmo potuto anche vincere.
Falzerano e Vido hanno dimostrato di volere i play-off. Memushaj ha
fatto una cosa mostruosa.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*