Calcio, Perugia strapazzato di brutto dal Mantova: 5-1

 
Chiama o scrivi in redazione


Calcio, Perugia strapazzato di brutto dal Mantova: 5-1

Calcio, Perugia strapazzato di brutto dal Mantova: 5-1

La squadra si conferma fragile e inconsistente

di Elio Clero Bertoldi
MANTOVA – Perugia in picchiata come un aereo centrato dalla contraerea. Seconda sconfitta consecutiva, media punti 1 a partita. Mantova rivela tutti i nervi scoperti di una squadra umiliata, fragile e inconsistente, che viene letteralmente strapazzata. Ora i biancorossi si trovano sull’orlo di un pauroso burrone.

L’eco del fischio d’inizio non si é ancora spento che i padroni di casa passano in vantaggio. Bianchi cross dalla destra e Gheddira, uccella i difensori, stoppa di destro insacca. L’infelice avvio diventa ancora più preoccupante cinque minuti più tardi con una conclusione, su calcio di punizione dal limite (fallo di Sgarbi su Vano), potente e precisa – sotto l’incrocio – di Zibert. Due gemme e il Mantova già gongola e pregusta il sapore squisito dei tre punti.

Caserta rispetto all’ultimo turno presenta Cancellotti (per Rosi), Sgarbi per Angella, Bianchimano per Murano. Cambi frutto, probabilmente, del fatto che tre partite in sette giorni richiedono un minimo di turn over.

Alla mezz’ora altra terribile mazzata: Vano sottrae la palla a Burrai, che gli rifila una spintarella alle spalle, l’avversario cade a terra come tarantolato. L’arbitro punisce entrambi col giallo, ma il mediano umbro era già stato ammonito ed é costretto a lasciare il campo ed i compagni in inferiorità numerica. L’allenatore umbro schiera i suoi col 4-3-2, affidando la regia a Sounas.

Prima dell’intervallo ancora un paio di azioni lombarde pericolose. Perugia praticamente non pervenuto. Nei primi 45′ sulla scena ha recitato una squadra aggressiva e dinamica contro una formazione, quella umbra, apparsa quasi soggiogata dalla paura e dall’insipienza.

Caserta opera tre cambi Rosi (per Cancellotti), Moscati (per Sounas), Elia (per Falzerano). La musica non cambia. Anzi é il Mantova che lancia un altro squillo: ancora con Zibert che non trova alcun ostacolo. Dal canto suo il Perugia, dopo un’ora di gioco, si trova spalancata la porta avversaria, ma Rosi si lascia respingere il tiro da Tozzo.

Ancora Rosi vivace, su lancio di Elia (brillante): il capitano viene atterrato ma l’arbitro lascia correre. Fischia il penalty invece su un atterramento in area di Elia. Moscati dal dischetto non perdona. Ma arriva la nuova zampata dei lombardi: Ganz, irridente, centra il poker spingendo in rete la palla, arrivata dalla destra, addirittura di petto. Il quinto gol, su una ripartenza a razzo, lo segna, chirurgicamente, Zappa: controllo di petto e sinistro imprendibile all’incrocio.

Sui social si scatenano i tifosi mettendo nel mirino il presidente Massimiliano Santopadre, al quale nessun supporter canterà la canzone dei “Tiro Mancino”: “Tu puoi restare qui finché ti va”.

Mantova-Perugia 5-1

MANTOVA (4-3-3): Tozzo; Bianchi, Milillo, Checchi, Panizzi; Gerbaudo (35′ st Zappa), Zibert (25′ st Mazzo) Guccione (25′ st Ganz); Vano (18′ st Rosso) Gheddira, Lucas ((18′ st Militari) A disp.: Tosi, Silvestro, Zanandrea, Tofi F., Esposito, Moreo, Di Molfetta. All.: Troise.
PERUGIA (4-3-3): Fulignati; Cancellotti (8′ st Rosi) Sgarbi, Negro, Crialese; Kouan, Burrai, Sounas (8′ st Moscati); Falzerano (8′ st Elia), Bianchimano (28′ St. Minesso), Melchiorri (15’st Murano). A disp.: Baiocco, Favalli, Angella, Monaco, Dragomir, Tozzuolo. All.: Caserta.
ARBITRO: Bitonti di Bologna
Guardalinee: Micalizzi-Licari.
Quarto uomo: Gangi.
MARCATORE: 2′ pt Gheddira, 7′ pt e 12′ st Zibert, Moscati (rig), 31′ st Ganz, 40′ st Zappa.
ESPULSO: Burrai (doppia ammonizione) al 31′
AMMONITI: Sgarbi, Burrai, Gheddira, Vano.
NOTE: Ang.: 0-0 per il . Rec.: 0′ pt, 3′ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*