Calcio, Livorno-Perugia 0-1, decide Re Iemmello

 
Chiama o scrivi in redazione


Calcio, serie B, il Perugia si prepara a scendere in Campania

Calcio, Livorno-Perugia 0-1, decide Re Iemmello

(da Carmine D’Argenio)
Il loro punto di forza, è il nostro entusiasmo del momento. Così prima della gara con il Livorno, l’allenatore del Perugia, Massimo Oddo, mette in guardia i suoi, contro un ex come Roberto Breda, che conosce molto bene l’ambiente. Dopo un inizio ufficiale di tre gare consecutive tra Coppa e campionato vinte, il rischio è di staccare per un attimo i piedi da terra.

Non caricando solo gli attaccanti (“Si può giocare anche con Fernandes e Capone punte, così come con Iemmello e Melchiorri o Bianchimano; ma l’importante è come si occupano gli spazi”), distribuisce compiti di reparto ad ogni singolo giocatore, così come al gruppo d’insieme. Grazie al supporto dall’alto di apposite tecnologie, ma soprattutto all’esperienza di Fiore in primis, insieme all’allenatore in seconda Donatelli.

Questo, per le giuste modifiche tra il primo ed il secondo tempo. Anche se può capitare di fare le scelte che possono essere esatte, ma perdere la partita. E viceversa, magari sbagliare i cambi ma paradossalmente vincerla. Parola di Oddo in persona. Al di là dei miglior secondi tempi nei quali fin’ora il Grifo è uscito alla distanza, ci si affida alla bravura del preparatore atletico Andrea Arpili, perché per il mister è importante che la squadra corra bene, più che guardare ad uno spicciolo aspetto ‘filosofico’. La mentalità dovrà esser unica: propositivi anche fuori casa. Perché poi se si ‘stecca’, i rumors possono essere quelli circa il solito Perugia, che parte bene ma poi si perde per strada. E tutti gli altri stereotipi che i tifosi subito affibiano.

Così il Livorno dei tre difensori di stazza ed i cursori in supporto, si presenta per arginare le folate dei brevilinee Fernandes e Capone, tranciandoli da subito fuori alle linee rosse di pericolo in prossimità dell’area. Come nel caso della combinazione al 21′ Iemmello-Capone, evaporato dinanzi all’ultimo baluardo difensivo. Ma contro re Iemmello la partita si fa dura. Anche se all’8′ spara alto da posizione favorevolissima. Al 66′ la mette dentro su assist di Falzerano. Terza rete per lui e 0 a 1 con goal che risulterà decisivo, anche quando al 71′ Falzerano commette fallo da rigore su Mazzeo, che però dagli 11 metri si fa parare da Vicario.

Per mandare fuori giri Gyomber e company, dall’altro lato ci si affida ancora alla qualità di Raicevic e lo stesso Mazzeo. Offside per loro, in due occasioni sul tramonto del primo tempo. Concluse le quali, si riparte dagli spogliatoi con lo 0 a 0, che se inizialmente aveva offerto qualche spunto vibrante, nel proseguo si è affievolita lasciando poche tracce valide. Per riaccendersi nell’ultimo quarto. Il Perugia ha l’arma in più ma non disponibile. Appena ‘sbarcato’, Andria Balic, ventiduenne croato in prestito via Udinese, fino al 30 giugno 2020. Lo vedremo però da dopo la sosta di campionato.

Restando ai primi 5 minuti, è Bogdan a partire forte, esaltando Vicario. L’iniziale pressing a vortice amaranto, cala alla distanza. Ancora una volta gli umbri, decisivi nella seconda parte di gara. Nonostante l’espulsione di Kouan, subentrato a Dragomir. 3 punti fuori casa, che si raddoppiano al cospetto di quelli casalinghi. Si potrà lavorare alla sosta con perdurante positività, per poi affrontare in casa la Juve Stabia.

LIVORNO – PERUGIA 0 – 1. DECIDE RE IEMMELLO

Tabellino:
LIVORNO: Zima, Di Gennaro, Gasbarro (32′ st Stoian), Marsura, Luci (Cap.), Murilo (16′ st Porcino), Morganella, Mazzeo, Bogdan (14′ st Gonnelli), Raicevic, Agazzi. A disposizione: Neri, Plizzari, Delprato, Ruggiero G., Pallecchi, Morelli, D’Angelo, Rizzo, Boben. All: R. Breda.

PERUGIA: Vicario, Rosi (Cap.), Gyomber, Angella, Di Chiara, Carraro, Dragomir (20′ st Kouan), Falzerano, Capone (10′ st Melchiorri), Fernandes (32′ st Sgarbi), Iemmello. A disposizione: Ruggiero L., Leali, Nzita, Bianco, Buonaiuto, Konate, Ranocchia, Bianchimano. All: M. Oddo.

ARBITRO: Valerio Marini (Roma 1). Assistenti: Pasquale Capaldo (Napoli) e Andrea Capone (Palermo). IV ufficiale: Paolo Bitonti (Bologna).

RETI: 21′ st Iemmello

NOTE: Ammonito Bogdan, Melchiorri, Angella. Espulso Kouan per doppia ammonizione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*