Acea Rugby Perugia, le prospettive di Paolucci: “Studio e carriera top”

Acea Rugby Perugia, le prospettive di Paolucci: “Studio e carriera top”

Acea Rugby Perugia, le prospettive di Paolucci: “Studio e carriera top”

Nel suo roster, l’Acea Rugby Perugia annovera anche un atleta argentino di origini italiane arrivato di recente nel nostro paese. Ci riferiamo a Benito Paolucci, terza linea della formazione biancorossa.


Fonte: As Comunicazione


“Sono di Buenos Aires e gioco a Rugby da quando avevo 6 anni. Questo sport è la mia vita – afferma l’albiceleste – Sportivamente sono cresciuto nel Club Atletico San Isidro e ho giocato anche nelle nazionali giovanili dell’Argentina”.

Come mai sei è arrivato a Perugia quest’estate?

“Innanzitutto tengo particolarmente a dire che il mio legame con l’Italia parte da mio bisnonno, nato nella penisola e emigrato in Argentina (il ragazzo possiede infatti la doppia cittadinanza, ndr). Perché Perugia? Principalmente per motivi di studio. Mi sono laureato nel mio paese in marketing digitale e ho visto in questa città la possibilità di continuare il mio percorso universitario. Da qui l’opportunità di entrare nel Rugby Perugia che ho preso al volo. Mi hanno accolto davvero bene”.

Nello studio il 25enne è particolarmente ambizioso. E nel rugby non è da meno.

“Punto in alto. Spero di arrivare ai massimi livelli. Il mio sogno è quello di giocare per uno dei top club italiani. Per farlo so bene che devo lavorare tanto”.

La cultura italiana è per certi versi simile a quella argentina. Ma per Paolucci l’ostacolo più grosso non è stata la lingua, bensì l’alimentazione.

“In Argentina non siamo abituati ad avere pasti così abbondanti. C’è solo una portata. In Italia invece avete il primo, il secondo, il contorno… Mi sono dovuto un po’ adattare. L’italiano? L’ho studiato una settimana prima di arrivare qui in Italia e sto cercando di migliorarmi parlando molto con i miei compagni. Loro mi hanno accolto benissimo dentro lo spogliatoio e mi hanno aiutato ad integrarmi”.

Passiamo alle questioni di campo. Avete iniziato abbastanza bene il campionato, poi sono arrivati dei rinvii e siete stati costretti al riposo forzato. È un po’ un problema per voi?

“Ci dispiace chiaramente, ma è solo questione di riprogrammare il lavoro. Per noi, che torneremo in campo solo il 5 dicembre contro Napoli, sarà come una seconda preparazione estiva. Che impressioni del campionato? Conosco pochissimo le altre squadre, mi hanno detto che le favorite per la vittoria del campionato sono tre squadre tra cui la Capitolina Roma che abbiamo già affrontato. Io penso solo a dare il massimo in ogni gara”.

Weekend ok per le donne etrusche

Domenica di gioia per la formazione femminile del Rugby Perugia. Le Donne Etrusche hanno infatti ottenuto un successo casalingo contro le Puma Bisenzio. Una vittoria arrivata col punteggio di 14-3 dopo una partita molto fisica. Le Etrusche portano a casa l’intera posta in palio andando a meta al 32′ con Piccioni e al 71′ con Bianchi. Mete che poi, sempre Bianchi, ha trasformato entrambe.  Queste le dichiarazioni di coach Villanacci dopo il match:

“Sono soddisfatto del risultato acquisito in campo, ma per ritornare al gioco che avevamo tempo fa ci vuole ancora molto. Siamo un po’ indietro con gli allenamenti, ma le ragazze migliorano partita dopo partita, come hanno dimostrato in campo con le Puma, dove la buona pressione difensiva e la buona organizzazione, sia in attacco che in difesa, hanno permesso che la nostra meta restasse inviolata. Ora cerchiamo di andare concentrate a giocare l’ultima partita del girone d’andata contro una squadra molto ostica che non abbiamo mai affrontato, il Riviera del Brenta (prima però un weekend di riposo per le Etrusche, ndr). Cercheremo di mettercela tutta per riportare a casa un altro risultato utile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*