Ricordo di Giorgio Fiorini, un anno dalla scomparsa

 
Chiama o scrivi in redazione


Ricordo di Giorgio Fiorini, un anno dalla scomparsa

E’ già trascorso un anno dalla scomparsa di Giorgio Fiorini, conosciutissimo per la sua professione di macellaio di via San Bartolomeo a Ponte San Giovanni ma noto come la “vedetta di via Adriatica”, una delle vie di accesso al paese, proprio di fronte alla sua attività, cui Giorgio riservava la sua attenzione e il suo impegno manuale con il taglio di erbacce e rami che potessero creare problemi alla viabilità pedonale della sua clientela più anziana. Ma le sue segnalazioni alla stampa e alle autorità competenti erano preziose per ottenere solleciti interventi per coprire una buca, per sanare una perdita di acqua, per ripristinare una segnaletica stradale.

Ora il suo comportamento e la sua professionalità sono stati “ereditati” dal figlio Luca nella conduzione dell’attività, nota per le sue specialità gastronomiche (le salsicce di Giorgio avevano clienti fissi provenienti anche da Lazio e Toscana) ma anche nell’attenzione al territorio, nella operatività e nella segnalazione a chi di dovere quando i mezzi e il tempo non possono risolvere i problemi. Luca, in questi giorni del primo anniversario della scomparsa del padre, ha ricevuto attestati di simpatia e di amicizia da parte della clientela e della cittadinanza di Ponte San Giovanni che ancora sente la mancanza di una figura di riferimento professionale, umana e sociale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*