Non ti vaccini? Ma per andare agli eventi devi fare tampone a pagamento ogni 48 ore

 
Chiama o scrivi in redazione


Non ti vaccini? Ma per andare agli eventi devi fare tampone a pagamento ogni 48 ore

Non ti vaccini? Ma per andare agli eventi devi fare tampone a pagamento ogni 48 ore

“Visto che i vaccini Covid non sono ancora obbligatori, chi non si vaccina non merita rispetto e tutele ugualmente?” Lo chiede il Movimento Sociale Fiamma Tricolore che afferma: “Visto che in questo momento ogni cittadino è libero di vaccinarsi oppure no, perché chi ancora non é vaccinato deve pagare un tampone per poter magari partecipare a un evento oppure andare su un posto pubblico?”

Movimento Sociale Fiamma Tricolore per voce di Niccolò Francesconi, referente regionale chiede un intervento urgente per mettere un servizio per fare tamponi h24 e che gli stessi vengano fatti gratuitamente per garantire a tutti i cittadini di stare in sicurezza e continuare a andare in tutti i locali senza influire economicamente sulle famiglie.

“E’ normale che una famiglia – scrive in una nota in referente – che non ha fatto tutte e due le dosi, oppure non si è vaccinata deve pagare un tampone ogni 48 ore per poter andare a fare una vacanza? Un tampone ogni 48 ore se verrà messo il green pass obbligatorio per molti luoghi, quanto peserà sulle tasche dei cittadini e delle famiglie che ancora non lo hanno?”

Ed inoltre: “Questo green pass servirà anche per i supermercati? Servirà anche per i mezzi pubblici? Movimento Sociale Fiamma Tricolore non condivide minimamente questa scelta del governo riguardo il green pass e nello stesso tempo trova non giusto che un cittadino deve fare un tampone a pagamento per continuare a andare in un bar. oppure altri posti pubblici, per questo richiede un intervento urgente a tutela delle famiglie che magari sono già colpite dalla crisi e che dovranno fare ulteriori  rinunce anche in virtù del costo di ogni tampone”.

Dott. Niccolo’ Francesconi
Referente Regionale Umbria
Movimento Sociale Fiamma Tricolore

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*