Leonardo Cenci in ospedale, condizioni stabili ed in miglioramento

Il presidente dell’Associazione Avanti Tutta onlus è ricoverato da ieri. Nei prossimi giorni sarà sottoposto ad ulteriori accertamenti

Leonardo Cenci in ospedale ha ricevuto la visita di Mauro Casciari

Leonardo Cenci in ospedale, condizioni stabili ed in miglioramento

“Condizioni stabili ed in progressivo miglioramento”: sono queste le parole chiave che descrivono l’attuale stato di salute di Leonardo Cenci, ricoverato nel reparto di oncologia medica dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia da ieri sera in seguito ad un suo malessere. Alle ore 18 di oggi l’ufficio stampa dell’associazione Avanti Tutta, Luana Pioppi, ha diramato il seguente bollettino: “L’equipe dell’oncologia medica dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia, dove Leonardo Cenci è ricoverato, e la dr.ssa Chiara Bennati (attuale responsabile del reparto di Oncologia Medica Ospedale Santa Maria delle Croci di Ravenna), oncologa che lo segue, dichiarano che le condizioni di Leonardo sono stabili ed in progressivo miglioramento. Rimarrà ricoverato ancora qualche giorno per ulteriori accertamenti”.

Tutto è cominciato ieri mattina. Leonardo non si è sentito bene e si è recato in ospedale. Poi il ricovero e le prime cure. La notizia è stata appresa dalla stampa grazie allo stesso Leonardo che questa mattina alle ore 5,33 ha pubblicato un toccante messaggio nella sua pagina Facebook di personaggio pubblico: “Credo proprio che il reparto dell’oncologia medica sia molto affezionato a me, d’altro canto non potrebbe essere diversamente, visto che anche io lo adoro… Si dice che Dio lasci le battaglie più difficili ai suoi soldati migliori… io credo che mi abbia confuso con RAMBO… ieri sono stato ricoverato in oncologia per diversi gravi problemi: perdita di sensibilità agli arti superiori e inferiori, perdita dell’ udito, fortissimo mal di testa e perdita dell’uso della parola… Buona domenica, AVANTI TUTTA, ORA PIÙ CHE MAI!!! E pregate per me… Vi voglio bene”.

Un messaggio che non ha lasciato indifferenti le persone. In molte hanno contattato alcuni componenti dell’associazione per assicurarsi delle condizioni di salute di Leonardo: da personaggi delle istituzioni, ad amici, a semplici conoscenti. Nel pomeriggio di oggi è andato a trovarlo anche l’amico Mauro Casciari, presidente onorario dell’associazione. Tutta la città ha dimostrato di preoccuparsi della salute di questo 46enne (ha compiuto gli anni lo scorso 2 novembre) che per molti è diventato simbolo di tenacia e di determinazione. Sono già sei anni, infatti, che combatte contro il “suo ospite”, un cancro al polmone al quarto stadio, con metastasi celebrali ed ossee, incurabile ed inguaribile (diagnosticato nel luglio del 2012). Gli diedero pochi mesi di vita ed invece nel 13 giugno del 2013 ha ideato e fondato l’associazione Avanti tutta Onlus (www.avantitutta.org) che si impegna nell’animare il tessuto sociale e civile di Perugia e a finanziare, anche attraverso il lavoro di tanti volontari e dei donatori, l’adeguamento e l’ammodernamento delle strutture e degli arredi del reparto di oncologia medica dell’ospedale perugino (come, ad esempio, illuminazione a led, realizzazione di una palestra per attività motoria, un ecografo di ultima generazione, una sala d’attesa innovativa, poltrone per la somministrazione della chemioterapia, borse di studio per la ricerca). La mission è anche quella di dare dignità ai malati di cancro, di promuovere la pratica sportiva nei protocolli di terapia contro il cancro, uno stile di vita corretto e sano.

Nel frattempo ha corso, concludendole con un tempo decoroso lasciandosi dietro sempre moltissimi atleti “sani”, anche due maratone di New York (nel 2016 e 2017) per dimostrare che, seppur con un cancro in atto, con la passione e la determinazione una persona può cercare di vivere una vita dignitosa ed il più normale possibile. Per tutti questi motivi il 2 febbraio del 2017 Leonardo, che in Quirinale era insieme ai genitori Sergio ed Orietta, è stato insignito del titolo di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana “per la determinazione e la forza d’animo con cui affronta la sua gravissima malattia offrendo agli altri malati un esempio di reagire e di difesa della vita”. Le onorificenze sono state conferite “motu proprio” dal Presidente della Repubblica il 12 novembre 2016. Pochi mesi dopo il CONI gli ha conferito anche la medaglia d’oro al valore atletico. Nel giugno del 2016, inoltre, il Comune di Perugia, attraverso un atto formale deliberato dal Consiglio, lo ha iscritto nell’Albo d’oro della città. Nel novembre 2015, infine, ha ricevuto in Vaticano il Premio Internazionale “Giuseppe Sciacca” per le Attività Sociali ed il Volontariato e nel 2016 il Premio Internazionale “Le Velo – L’Europa per lo sport” a Scarperia.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*