Confconsumatori, Mise e Regione Umbria puntano sugli anziani “Bella Nonno!”

Confconsumatori, Mise e Regione Umbria puntano sugli anziani “Bella Nonno!”

Confconsumatori, Mise e Regione Umbria puntano sugli anziani “Bella Nonno!”

Tecnologia, salute, sport a portata di un click per la Terza Età. Tecnologia, salute e terza età: tre cose apparentemente slegate tra loro, quando non in conflitto sia nell’immaginario collettivo, che nella mera quotidianità. Eppure c’è una voce fuori dal coro. Confconsumatori crede invece fermamente che il connubio sia possibile, e ha quindi lanciato l’iniziativa “Bella Nonno!”.

“L’accesso alle nuove tecnologie rappresenta per la maggior parte delle persone anziane difficoltà notevoli, per superare le quali si avvalgono del prezioso aiuto di coloro che con gli strumenti digitali ci “parlano”: i loro nipoti, ma questo anacronismo che deve essere superato, tenuto conto anche e soprattutto delle possibilità offerte da internet e Smartphone” – spiega la Confconsumatori.

In risposta alle criticità di cui sopra, con il progetto “Bella Nonno!”, Confconsumatori Umbria si propone di accrescere “l’alfabetizzazione” digitale e l’uso dello smartphone per far godere gli anziani over 65 (ma anche più giovani) di tutte le comodità dell’era digitale come accedere ai servizi bancari, effettuare pagamenti di utenze domestiche, acquistare ricariche telefoniche e fare acquisti online. Il progetto peraltro è stato approvato e finanziato dal Ministero Sviluppo Economico tramite un bando della Regione Umbria sviluppato proprio da Confconsumatori.

Ma c’è di più. La questione infatti non riguarda solo le amene comodità dell’era del click istantaneo, ma vuole andare ben oltre. Infatti la Confconsumatori Umbria punta a trasformare l’evoluzione generazionale in una vera opportunità di wellness e salute. “Si è certi che l’iniziativa stimolerà i partecipanti e contribuirà a mettere in risalto la grande opportunità che internet mobile può offrire agli anziani anche per quanto altri aspetti quali l’alimentazione (curata da esperti nutrizionisti) che deve diventare un sistema essenziale affinché l’anziano possa godere di un buono stato di salute.  Ma anche l’attività fisica legata al problema della qualità della vita, la quale a sua volta è legata all’autosufficienza. In questa fase del progetto interverranno anche personal trainer, preparatori atletici, in attività e senior per confrontarci, e stabilire metodi adeguati tali da permettere all’anziano di avere un’attività motoria regolare” – precisa la Confconsumatori Umbria.

Ma come sarà possibile ottenere tutti questi benefici dalla maggiore interazione tra gli anziani e le nuove tecnologie? Abbiamo posto questa domanda a Confconsumatori Umbria che ci ha risposto: “Il progetto dovrà essere un divulgatore di buone abitudini e siamo pertanto convinti che alimentazione sana e disciplinata, attività motoria regolare e l’uso di apparati informatici che servano per tenere impegnati sensori e ricettori cerebrali possano tenere lontano malattie invalidanti come l’Alzheimer.

Proprio su questa emergenza, la nostra associazione nazionale è in prima linea da anni per sostenere i malati ed i loro familiari”. L’appuntamento con la salute e la tecnologia è stato quindi indetto a Perugia, presso il Circolo Dipendenti Perugina, il giorno 15 febbraio p.v., con inizio alle ore 9,30. In Confconsumatori hanno inoltre precisato che al suddetto primo incontro ne seguiranno altri tre da tenersi presso Foligno, Trevi e Terni.

Alexandru Cenusa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*