↘FOTO↙ Bimbo nero nell’angolo, la reazione delle presidenti Catiuscia Marini e Donatella Porzi

 
Chiama o scrivi in redazione


Bimbo nero nell'angolo, la reazione delle presidenti Catiuscia Marini e Donatella Porzi
Catiuscia Marini in Malawi

↘FOTO↙ Bimbo nero nell’angolo, la reazione delle presidenti Catiuscia Marini e Donatella Porzi

«Estremamente preoccupante e da condannare l’episodio che si sarebbe verificato a Foligno, in una scuola elementare, dove un bambino di colore sarebbe stato costretto dal maestro a voltarsi verso la finestra e additato come ‘brutto’”. E’ quanto ha dichiarato la presidente dell’Assemblea regionale dell’Umbria, Donatella Porzi, dopo aver appreso la notizia del deprecabile comportamento dell’insegnate.

© Protetto da Copyright DMCA

«Si tratterebbe di un fatto di una gravità inaudita – scrive in una nota sul suo sito la Presidente – che avrebbe riguardato un ambiente, come quello della scuola, in cui gli insegnanti dovrebbero essere baluardi nei valori di convivenza civile, rispetto delle regole e rispetto reciproco. Nonostante il docente abbia parlato di un ‘esperimento sociale’, il gesto resta di una gravità e di una pericolosità impressionante. E’ il momento di fermarsi e di provare a riflettere su dove stiamo andando».

«Sono in attesa di conoscere la comunicazione ufficiale degli organismi preposti – dice la Governatrice dell’Umbria, Catiuscia Marini sul suo profilo Facebook – , è opportuno che questa comunicazione arrivi in tempo rapido (MIUR e relative articolazioni). L’episodio così come ora emerge dalla ricostruzione giornalistica è gravissimo ed estraneo ad una cultura diffusa di rispetto che la terra umbra e la sua gente ha sempre avuto. Ma siamo anche preoccupati – aggiunge – di un clima crescente di ostilità e razzismo che si diffonde anche nelle nostre comunità e che ogni giorno proviamo a contrastare. Lo faremo anche questa volta esprimendo non solo solidarietà ai bimbi e alla loro famiglia ma reagendo con decisione a comportamenti così gravi e diseducativi. So il lavoro immenso che ogni giorno fa la scuola pubblica con i suoi docenti e personale e so che la scuola troverà la giusta e ferma risposta a questa gravissima vicenda».


 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*