Tentata aggressione al vescovo di Spoleto, per la Lega bisogna tenere alto il livello di guardia

 
Chiama o scrivi in redazione


Tentata aggressione al vescovo di Spoleto, per la Lega bisogna tenere alto il livello di guardia
Tentata aggressione al vescovo di Spoleto, per la Lega bisogna tenere alto il livello di guardia

Tentata aggressione vescovo Spoleto, per la Lega bisogna tenere alto il livello di guardia “Un plauso alla professionalità degli agenti di polizia penitenziaria che con un grande lavoro di controllo e di azione nell’immediato hanno sventato un potenziale attacco alla sicurezza del vescovo di Spoleto, Renato Boccardo”. L’intervento è dei parlamentari umbri della Lega, Virginio Caparvi, Riccardo Augusto Marchetti, Luca Briziarelli, Simone Pillon, Donatella Tesei.

Sicurezza nelle carceri

© Protetto da Copyright DMCA

Questo episodio a riprova del fatto che la sicurezza dei nostri territori passa anche per la sicurezza delle carceri – sottolineano i leghisti – e che dobbiamo tenere alto il livello di guardia non solo sui cosiddetti radicalizzati, ma anche su coloro i quali vengono avvicinati dentro e fuori dalle carceri dai radicalizzati, perché questo odio che viene seminato potrebbe trasformarsi in volontà di offendere la nostra civiltà. Grazie alla polizia penitenziaria abbiamo garantita ogni giorno la sicurezza nelle nostre carceri e come Governo ci stiamo impegnando per sgravare quanto più possibile il duro lavoro che gli agenti sono chiamati a fare ogni giorno.

Taser e assunzioni

In commissione giustizia, anche tramite il deputato Marchetti, chiederemo di fornire i taser agli agenti di polizia penitenziaria per dotarli di uno strumento in più di controllo e stiamo lavorando affinchè si possa tornare indietro su alcune scelte scellerate fatte dal precedente Governo in merito al riordino del personale. Si tratta di provvedimenti importanti che richiedono tempo – concludono i parlamentari umbri della Lega – ma su cui lavoriamo costantemente in quanto crediamo nel contributo determinante degli agenti degli istituti penitenziari in termini di controllo e sicurezza del territorio”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*